Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Sabrina Bertocchi

Libero professionista, nato martedì 17 febbraio 1970 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: piumarossa70

Andando controvento...

Oh si la libertà non ha prezzo, eppure io l'ho pagata...
L'ho pagata con gli anni, lasciando le mani aperte, lasciando tracce di pugni sferrati alle nuvole.
L'ho pagata perdendomi in ali aperte di uccelli, sfiorando erba alta e scavalcando sassi.
L'ho pagata nelle lacrime di dolori, nelle lacrime di perdite forti, nel capogiro di essermi persa e nella felicità di essermi ritrovata,
e l'ho pagata andando controvento e l'ho pagata quando invece il vento mi ha accompagnata.
L'ho pagata essendo amica della terra e della vita, della luce e della notte, di piume bianche e di piume nere.
L'ho pagata con le porte chiuse e l'ho pagata ritrovando la giusta chiave per una sola porta.
L'ho pagata sputando sul veleno, e l'ho pagata mangiando zucchero dolce.
L'ho pagata perché non l'ho mai venduta.
L'ho pagata, si, ma non l'ho mai comprata.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: piumarossa70

    Red Spirit...

    E dammi la vita, quella che io so che esiste,
    quella che ho dentro e che per anni ho accudito come
    se fosse una porcellana antica.
    E dammi quel soffio nelle narici, lo stesso che alita da bisonti
    che respirano prati.
    Gli stessi prati sconfinati che le mie pupille hanno sognato
    e annusato, le stesse praterie che parlano con il vento, che
    si raccontano di cavalli in corsa e di farfalle delicate su fiori
    gialli, piccoli come formiche e grandi come il cuore
    di un cervo in corsa.
    E dammi la tua mano, si la stessa che rugosa mi ha accarezzato
    la testa, la stessa che nei momenti di notte senza luna
    mi ha guidato in strade fatte di rocce e insenature illusorie,
    e fammi danzare al suono di quella nenia che la mia
    mente inconscia conosce, che forse le mie dita hanno suonato
    insieme al tuo insegnare.
    Devi fare in fretta Piuma, oh si così mi è stato detto... in
    fretta per conoscere un volto che tra le mani ha il mio
    spirito.
    E fammi colorare piume di rosso fuoco le stesse le vorrei
    spargere nel mondo, le stesse le vorrei intrecciare nei
    miei capelli neri... lo farò lo sento.
    E dammi quelle stelle che guardi, una brillava di raggi azzurri,
    so che la stiamo guardando mentre accarezziamo pelo di
    animale e so che le tue speranze sono più forti delle mie, e so
    che il tuo credo si tocca mentre il mio è ancora attaccato ad
    un ramo come un frutto acerbo, ma non smettere di
    donarmi il fumo della tua pipa.
    E dammi l'entrata della tua capanna... e accoglimi come un
    cane ritrovato e tienimi stretta solo come un padre sa fare.
    Composta domenica 6 febbraio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: piumarossa70

      Voglio!

      E voglio lasciare andare gli scogli
      che ho incontrato, onde infrante sopra, così
      come urla mute.
      E voglio scavare nella terra e seminare
      i sorrisi che mi sono stati ricambiati, così
      per fare nascere un prato, un prato per riposare.
      E dimenticare la mia bocca chiusa, tappata da mille
      incomprensioni di gente che camminava morta.
      Scaraventare nell'infinito i passi indotti dalla paura,
      passi zoppi a girovagare nelle critiche della gente.
      E voglio allargare queste mie mani e stringermi il viso e sentirlo
      vivo facendo smorfie in uno specchio, e voglio puntare
      agli occhi di ancora è vero.
      E voglio toccare il cuore e ballarci insieme e dirigerlo
      nella vita che da sempre mi aspetta, nella vita
      che da sempre ho combattuto per riconoscermi
      e nominare consapevole il mio nome.
      Composta domenica 26 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: piumarossa70

        Respiro... respira!

        Non ho voglia di parlare, ne di respirare,
        voglio stare così senza tempo senza spazio da vedere,
        voglio sentire il mio cuore sbattere e chiedere,
        chiedere di vivere, chiedere di bussare alla vita che
        lo circonda che lo vuole, che si insinua allegramente
        e con lacrime da asciugare per poi colorare.
        Colorare... con pastelli di erba e di terra, con matite di
        mare e fiumi e stagni... stagni dove la vita è lenta, dove
        la vita ha un suo mondo e un suo scorrere verde...
        E non ho voglia di parlare questa sera... voglio osservare!
        I movimenti delle mie dita, a cercare lettere su tasti meccanici,
        a cercare vibrazioni che ho conosciuto, che non dimentico, che
        ancora mi parlano e mi spiegano l'arte e l'ingegno della mente
        del cuore... ah si quanta strada ho dovuto fare, erba alta a
        non vedere davanti a non vedere i passi e gli stessi cercarli in
        questo cuore che per un momento sta sera ho fermato...
        Vivi mi dice... vola mi dice... parole magiche mi racconta... parole
        da costruire come tetti di una casa... le fondamenta le hai
        scavate, i muri, ricordi? Li hai eretti...
        Tetti rossi a fare da piazza a uccelli migratori e a passeri che
        sanno attraversare l'inverno.
        Briciole di pane per loro, briciole nelle briciole per me, loro
        mi hanno fatto crescere, nessun menù le contiene, nessun
        punto di ristoro, ma si possono trovare nella mia non voce di sta
        sera, nel fuoco dell'anima che mi ritrovo come amica e nella vita
        che sa cantare anche stretta tra due muri scrostati...
        Sigaretta? Ma si l'accendo... tra le mani un accendino rosso, una
        scintilla, ecco il fuoco... e a me viene in mente il cuore.
        Respira piuma... respira!
        Composta mercoledì 27 ottobre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: piumarossa70

          Vento... ridi con me

          Vento, vento portami in alto e
          scompigliami la fronte sussurandomi parole
          d'acqua che sanno di stelle assetate, e
          fammi scendere giù in picchiata verso
          una terra che benedice i prati e che
          sposa farfalle...
          E passa tra i miei capelli vento, giocaci e combinaci
          colori e aliti azzurri e ridi, ridi con me...
          Non voglio le ali, ricordi? Me le hai già donate... e non voglio
          assomigliarti, già fai parte di me.
          E vieni vieni con me tra rami di foglie quasi gialle,
          e vieni a disegnare sabbia e legno,
          rincorrimi e
          fai finta di prendermi, così anche per un solo attimo.
          Sferzami il viso, vento, no non smettere mai... ora ti vedo
          e lo faccio ad occhi aperti, gli stessi dove tu
          con allegria e pianto hai soffiato dentro.
          Composta sabato 2 ottobre 2010
          Vota la poesia: Commenta