Scritta da: R. Pirrelli

Tratteni...

Fermati
trattieni il respiro,
stringi forte forte gli occhi
fino a farli scomparire,
cosi che le lacrime
non abbiano via di fuga.
Poi lasciati andare, e
solo quando il tuo cuore
avrà cessato di battere
come l'ala spezzata
di un gabbiano in mezzo all'oceano,
dentro il tuo petto frantumato,
e pietrificato,
e deriso dal dolore
inizia se puoi a respirare
l'aria della libertà...
ora l'anima è pronta a volare...
Rosy Pirrelli
Composta lunedì 11 ottobre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: R. Pirrelli

    È notte

    È notte
    tutto tace...
    tutto,
    c'è silenzio intorno...
    ma non pace
    anche il cuore,
    sembra non avere più
    alcun battito
    ma è vivo
    è vivo perché lo senti dentro
    ferito e spezzato
    come una lancia
    di un grande guerriero...
    eppure batte,
    e batte
    anche se lentamente
    come un pendolo stanco...
    È notte...
    tutto tace...
    tranne il lamento dell'anima
    che come una nenia continua
    avvolge
    e ipnotizza la mente
    confinandola nell'oblio...
    Rosy Pirrelli
    Composta mercoledì 6 ottobre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: R. Pirrelli

      Ho solo

      Ho solo te
      grande stanza buia
      piena di ricordi
      e sogni infranti
      di mille illusioni,
      mille speranze svanite nel nulla...
      Ho solo te
      dolce malinconia
      compagna inseparabile
      di questa mia triste esistenza
      Ho solo te
      grande dolore
      che mi sanguini il cuore
      per poi suturarlo
      di un vuoto immenso...
      No, non ho te...
      Non ho te...
      dentro me
      dentro me
      c'è il un grande ricordo
      e anche il rimpianto
      di promesse
      mai esaudite...
      Rosy Pirrelli
      Composta mercoledì 6 ottobre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: R. Pirrelli

        A mia madre

        Mamma,
        se i tuoi silenzi
        fossero state parole,
        oggi forse, capirei tante cose
        e molto di più...
        Il senso di discorsi mai detti,
        sospiri, si il tuo sospirare
        accompagnato solo di sguardi!
        E i tuoi lamenti strozzati,
        le tue lacrime invisibili...
        Oggi vedo solo, la tirannia del tempo,
        il suo passaggio inesorabile
        e le sue tracce
        senza scrupoli e rimorsi...
        Mamma,
        quante volte i tuoi sospiri
        hanno accompagnato il mio pianto
        e quello dei miei fratelli!?
        tu stringendoci forte al petto,
        ci consolavi,
        e quante volte le tue carezze
        ci hanno rasserenati!?
        Quante volte? Sempre.
        Oggi, mamma, sono madre
        e ti ringrazio
        e guardando il cielo, chiedo:
        DIO aiutami!
        ad essere una buona madre
        e una grande figlia...
        Rosy Pirrelli
        Composta domenica 3 ottobre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di