Scritta da: Runa_

Equinozio di Latte

Schermati gli occhi
riposano sulle penombre
di questa eterna notte
svestita ed insonne

Gli ultimi abiti unti di silenzio
strisciano sulle pareti
a rammentare gli anfratti
dei gesti slavati / delle mani spaccate

E
l'imperfezione che esonda
è un drappeggio d'equinozio nudo
della pelle / nostra /
fatta di latte
Rosy Luliucci
Composta giovedì 22 novembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di