Poesie di Rosarita De Martino

Pensionata (da poco tempo), nato giovedì 1 gennaio 1942 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Rosarita De Martino

La mia gioia è...

La mia gioia è
sentirmi avvolta
dalla luce del Tuo Amore
rinnovato in certezza
di mia nuova conversione.
La mia gioia è
ritrovare nei fratelli
la Tua Presenza Amata
e scrivere i loro nomi
nel libro di mia storia.
Ora trepida lo sfoglio
e li ritrovo accanto
nei continui esodi
di mia vita.
Rosarita De Martino
Composta domenica 16 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosarita De Martino

    Rossella e Grazia

    Oggi, giovane Rossella
    ti ritrovo madre,
    mentre ieri lontano,
    sui banchi della scuola,
    eri intenta a ricamare parole
    ed io, tua maestra,
    ti sostenevo
    nella strada del sapere.
    Tu ancora mi cerchi
    e grata ti guardo
    mentre stringi tra le braccia
    la tua piccola Grazia
    che profuma ancora di cielo.
    Mi conquista il suo candore
    di piccolo fiore
    da poco sbocciato
    nel prato della vita.
    Ora godo
    di questo miracolo d'amore
    e sollecita apro
    la porta del mio cuore.
    Grazia mi regala
    limpido sorriso
    e dentro mi canta
    fresca la gioia.
    Rosarita De Martino
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosarita De Martino

      Gli occhiali

      Confusa, affannata
      ricerco i miei occhiali.
      Mi fermo, respiro
      e sollecita prendo
      quelli di mia vita
      ed entro sicura
      nella casa del mio cuore.
      Estasiata vi guardo dentro.
      Alle finestre ridono
      tendine di speranza,
      sul tavolo cantano bellezza
      i colorati fiori
      della fede
      insieme ai saporiti frutti
      della gioia.
      Mi rifugio
      nel mio silenzio azzurro,
      ma è solo un attimo.
      Corro, apro la porta
      e attendo condivisione
      di fratelli.
      Rosarita De Martino
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosarita De Martino

        La gioia del Natale

        Trepida,
        fiduciosa,
        pacificata
        attendo il mio Natale.
        Sollecita sistemo piano
        le statuine colorate,
        che già cantano la pace.
        M'incanta il buon pastore
        con peso di pecorella
        sulla spalla.
        Ma, strano,
        mi riconosco:
        sono io.
        M'illumina immensità
        di fede,
        dono prezioso
        di mia vita.
        Nessuno può privarmi
        della gioia del Natale.
        Rosarita De Martino
        Composta giovedì 13 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di