Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Rosarita De Martino

Pensionata (da poco tempo), nato giovedì 1 gennaio 1942 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Rosarita De Martino

La mia scalata

Ieri,
sostenuta
dalla bianca pace
della presenza dei fratelli,
salivo verso l'Etna.
Intorno intorno
mi sfiocchettava
candida la neve.
Oggi scalo ancora
la montagna di mia vita
e mi sostiene
sicuro bastone di speranza,
mi disseta acqua di fede
e salgo e salgo ancora.
Trafelata arrivo.
Ora, da conquistata vetta,
lo sguardo spazia
in splendore di bellezza
che sfuma in pensieri
colmi di eternità.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosarita De Martino

    Attesa felice

    Trepida oggi passeggio
    nel prato del mio cuore
    e attendo tua venuta
    in mezzo a noi,
    o figlio.
    La nostra casa grande
    già ricca dei tuoi fratelli,
    fra poco ti accoglierà.
    Ma ancora oggi
    rivivo la trepidazione
    dell'attesa.
    Io ora so che nuova forza.
    nuova speranza
    arricchirà la mia vita
    grazie alla tua presenza,
    o figlio,
    nuovo frutto
    sbocciato nel prato dell'amore.
    Composta lunedì 31 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosarita De Martino

      Il pacchetto della vecchiaia

      Nel tempo di mia lontana,
      ma lunga giovinezza
      m'hai consegnato
      un'infinità di pacchetti
      colorati di gioia,
      colorati di luce.
      ora che ricami del tempo
      sfiorano il mio viso,
      mi consegni, o Signore,
      il pacchetto della vecchiaia.
      vi percepisco spine
      di pensieri,
      discese precipitose,
      salite dolorose.
      mi fermo ansante.
      respiro,
      accetto,
      prego
      e rassicurata
      apro il pacchetto.
      con speranzosa mano
      sposto le spine.
      guardo,
      proprio in fondo
      ritrovo intatta
      la rilucente perla
      di mia fede.
      trepida la prendo
      e indosso ancora,
      l'antico dono
      di mia giovinezza
      che ora riluce
      sul logoro vestito
      del mio tempo.
      venticello di pace
      accarezza il mio viso.
      Vota la poesia: Commenta