Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rosanna Tafanelli

L'anno che verrà

Sarà domani l'anno nuovo
e ancora
sento il sapore di questo che ho vissuto.

Giorni di grazia, notti di magia,
mesi di gran lavoro e di speranze,
tutti nel vasto archivio della mente.

Ferma sul limitare della festa,
assieme a te faccio il conto alla rovescia,
meno sei, cinque, quattro, tre...

Un calice di mille bollicine ed un tuo bacio,
l'affetto di chi mi ama veramente,
il coraggio di accettare la sfida,
son pronta ad accogliere l'anno che verrà.
Composta lunedì 28 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosanna Tafanelli

    Universi sbriciolati (poesia non-sense)

    Universi sbriciolati
    e mille piccoli soli roteanti
    nell'infinito nulla.

    Gocce e gocce di cielo sfilacciato
    scolorano le tende del mercato,
    picchiettano le melegrane e i fichi.

    Sul muro, gechi vermigli saettano,
    precipitando incolumi nel vuoto
    e urlando afoni al vento.

    Schegge di pietra schizzano sonore,
    tamburellando tronchi marcescenti
    e trafiggono fiori morbidi carnosi.

    Puc, puc, puc... grosse e lente
    si levano nell'aria bolle dorate
    ripiene di pensieri... puc!
    Composta lunedì 1 marzo 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosanna Tafanelli

      Attesa

      Sabbia.
      Fredda e arida e inerte
      Ma, scabrosa, non concede refrigerio
      Al tuo corpo bruciato dal sole.

      Mare.
      Densa azzurrità increspata di schiuma
      Sommerge, fluttua, penetra gli anfratti
      Del tuo corpo ripiegato su di sé.

      Sole.
      Incastonato immoto in un attimo eterno
      Sovrasta indifferente le passioni
      Che il tuo corpo urla all'infinito.

      Cielo.
      Nero come l'assenza di un amore
      Come il fondo di un cuore senza pace
      Come una notte senza alcun riposo
      Per il tuo corpo solo senza me.

      Attesa.
      Fredda, densa, nera, indifferente
      Continuerà ogni giorno ed ogni ora
      Finché una vela bianca all'orizzonte
      Riporterà il mio corpo fino a te.
      Composta lunedì 16 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosanna Tafanelli

        Non sarà pace - 8 marzo 2011

        Non sarà pace per noi,
        finché le lacrime di una sola donna
        bagneranno ancora aule di tribunali
        o navate di chiese,
        per un dolore che non trova parole.

        Non sarà pace,
        finché il corpo di una sola donna
        giacerà ancora in sale d'obitorio
        o in letti d'ospedale,
        per una violenza che non ha ragione.

        Non sarà pace,
        finché i passi di una sola donna
        risuoneranno ancora in strade di periferia
        o in ville di potenti,
        per un compenso che è senza dignità.

        Non sarà pace,
        finché la rabbia di una sola donna
        urlerà ancora nelle piazze del paese
        o nel buio della sua mente,
        per un'ingiustizia che non prevede riscatto.

        Non sarà pace per noi, uomini e donne,
        finché una sola donna non otterrà rispetto.
        Composta domenica 6 marzo 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Rosanna Tafanelli

          Risorta

          La tua spada per trafiggermi,
          il tuo mantello per raccogliermi,
          nella tua coppa tu berrai il mio sangue
          ed ancora me ne chiederai.

          Sarai dolce carnefice del corpo
          ed angelo della mia anima,
          con te non vivo più, amor mio,
          e senza te io muoio.

          Sarai il mio cavaliere e il mio assassino,
          sarò la dama tua ed il sogno,
          uccidimi d'amore quando vuoi,
          tornerò sempre accanto a te.

          Nell'alba del domani nuovo, poi,
          mi troverai risorta,
          pronta a donarti ancora tutta me,
          fino alla fine del tempo.
          Composta lunedì 3 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta