Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rosanna Tafanelli

Amapòla

Viola farfalla, splendida amapòla,
ali distese contro il sole,
vibra.

Stessa lunghezza d'onda del mio cuore,
ritmo fluttuante nell'etereo,
danza.

L'ascesa lenta in balìa dei venti,
sinuoso gioco trascinante,
avanza.

Un fremito soltanto fuori rotta,
ala ribelle contro il fato,
devia.

Viola farfalla, amapòla sognante,
tempeste di felicità
solleva.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosanna Tafanelli

    Tu sei, io sono

    Quando io sono sabbia, tu sei mare
    e se tu sei rugiada, io sono fiore.
    Quando io sono la sete, tu sei acqua
    e se sono la terra, dolce pioggia.

    Onda di vento, sei la mia tempesta
    e distesa di grano, la mia falce.
    Se sarò prigioniera, la mia gabbia
    e se sarò gabbiano, cielo aperto.

    Amarezza infinita, il mio veleno
    e dolcezza profonda, sei il mio miele
    Se tu sarai la forma di ogni sogno,
    sarò il guanciale del tuo desiderio.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosanna Tafanelli

      Bimbi

      Un, torna dolce mio amico...
      due, dammi svelto la mano...
      tre, vieni ancora a giocare...
      stella! Con me.

      Un... dalle brume del tempo,
      due... la tua voce sorride,
      tre... sento che sei vicino,
      stella! A me.

      Un... il tuo volto bambino,
      due... le mie mani sottili,
      tre siamo insieme felici,
      stella! Io e te.

      Torna dolce mio amico...
      dalle brume del tempo...
      vieni ancora a giocare...
      con me!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosanna Tafanelli

        Torna la notte

        L'ultimo raggio ha brillato
        fino al tramonto, ad occidente.
        Scura trapunta di stelle
        torna la notte, pacificante.
        Lacrime dentro ai miei occhi
        come diamanti, scorrono via.

        Respiro il silenzio del buio
        su questa loggia, sola nell'ombra,
        mentre la mente percorre
        la bianca strada dei sentimenti.
        Ricordi dentro ai miei occhi
        come scintille, bruciano via.

        Quando più nera dell'odio
        torna la notte, senza orizzonte,
        bruno velluto felpato
        sento lo sguardo della mia gatta.
        Sorrisi dentro ai miei occhi
        come farfalle, volano via.
        Vota la poesia: Commenta