Poesie di Rosa Maria

Scrittrice, nato domenica 26 maggio 1985 a Leonforte (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Lui mi dava l'oblio, come un uragano mi faceva librare nel cielo.

Danzavo su di una nuvola baciata dal sole,
nell'infinità delle mie fantasie,
che dalle sue mani prendevano vita
e nel nostro amore assumevano forma.

Lui mi dava l'oblio che a sua volta nasceva dall'amore che provavo io.
Rosa Maria
Composta giovedì 10 maggio 2012
Vota la poesia:
Spesso la notte sogno le tue mani,
è un contatto illusorio,
mi sfiorano appena e poi si dissolvono;
non mi afferrano, ed io ho troppa paura di afferrarle.
Mi rigiro nel letto,
non le ho afferrate e non ho teso le mie.
Anche la fiducia ha un prezzo,
bisogna tendere le mani per poterne ricevere altre.
Rosa Maria
Composta lunedì 18 aprile 2011
Vota la poesia:

Come musica

Le tue mani sul mio corpo,
come strumenti
danno vita ad una sinfonia.
I pensieri lentamente scivolano,
lasciano spazio ai sensi,
si abbandonano alle note dell'amore,
è come musica.
Tra le note dei cuori
due battiti si fondono,
due corpi si uniscono,
carne e spirito,
ed è amore.
Rosa Maria
Composta domenica 27 novembre 2011
Vota la poesia:

L'amore, un linguaggio silenzioso

Sguardi che si incrociano,
mani che lentamente si sfiorano.
E poi un'attimo fugace,
un discorso fatto sulla pelle,
pelle contro pelle.
Parole posate sulle labbra,
udite solo da chi le riceve.
L'amore, un linguaggio silenzioso,
in tutto questo noi,
puntini imperfetti e colorati,
in un quadro velato di grigio.
Rosa Maria
Composta sabato 19 novembre 2011
Vota la poesia:

La danza dell'amore

Danzare al ritmo del cuore il tango della passione
passi sincronizzati ad ogni emozione.

Musica forte e impetuosa
fusione di corpi
unione di anime

Movimenti fluiscono liberi
gli uni negli altri.

Emozioni si sfiorano, si toccano
si incontrano fino a congiungersi.

Due corpi due cuori un tutt'uno
Il tutto e il niente
un'unica anima nell'orizzonte infinito.
Rosa Maria
Composta mercoledì 27 aprile 2011
Vota la poesia: