Scritta da: Robynn Désirée

Historya

La storia va avanti.
A lei non importa se uno piange o uno ride,
uno muore o sopravvive.
Lei va e calpesta dove capita.
Lei è una che conquista, che ferisce.
Lei è una che inizia. Lei è una che conclude.
Lei è la guerra. Lei è la pace.
È colei che tutti dirige, che tutti controlla.
Lei è una che non molla.
Ha memoria e sopravvento,
non c'è portento che le si pareggia.
La storia non è di nessuno, né di Dio, né di qualunque altro mondo.
Non è la storia che ci appartiene,
ma siamo noi che apparteniamo alla storia.
Robynn Désirée
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Robynn Désirée

    Una cosa sola

    Vittime innocenti,
    odore di fumo e di sangue,
    soldati a terra esangue.
    Vittime innocenti,
    silenzi spenti.
    Eppure lo abbiamo visto con i nostri occhi
    quanta violenza e devastazione hanno portato.
    Lo abbiamo sentito e ascoltato
    il nemico parlarci dall'alto del pontificato.

    Io sono nero, tu sei bianco.
    Non siamo un colore, ma siamo un'unico colore.
    Siamo luce,
    siamo salvezza,
    siamo stelle luccicanti,
    siamo l'amore incondizionato.
    La verità è che siamo consapevoli del male che ci circonda,
    allora perché non lo fermiamo?
    Afferra la mia mano,
    ti prego.
    Non avere fede, credi in te stesso.
    Non stare a guardare, sii l'artefice del tuo destino.
    Dona senza nulla ricevere, dona col cuore, con l'istinto
    e non perché lo fanno gli altri.
    Dona la tua vita, se necessita
    perché sai che il tuo spirito rimane.
    Robynn Désirée
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Robynn Désirée

      Al calar della sera

      Soffio intenso tra le onde del mare
      Dolce tintinnio sulla spiaggia deserta
      Gocce fredde s'appoggiano rare
      ovunque
      e fu silenzio, e sento silenzio

      Scorre il tempo e con esso la storia
      Affonda un'anfora tra i profondi abissi
      Dimentica gli anni e la memoria
      chiunque
      e fu buio, e vedo buio

      Cuce i petali il candido fiore
      Cala la sera come pesanti palpebre
      Nell'aria si ode alcun rumore
      dovunque
      e fu quiete e pace.
      Robynn Désirée
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Robynn Désirée

        Paura di noi stessi

        Ti senti al sicuro e sollevato
        Sei in una stanza chiusa,
        senza fiato
        Perché scappi? Hai forse paura?
        Eppure sei stato tu a criticare la natura
        Prendi coraggio e guarda là fuori;
        come vedi il mondo senza "rose e fiori"?
        Il vento si alza, inizia a tremare
        Al di fuori della stanza sta arrivando il temporale
        Chiudi gli occhi, fra poco sarà tutto finito
        E mentre immagini i tuoi sogni divertito,
        non ti accorgi che il vento è cessato,
        ma là fuori ha lasciato il mondo devastato.
        Robynn Désirée
        Composta venerdì 16 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di