Scritta da: ROBERTO POZZI

La realtà della fantasia

In questo viaggio temporale
l'illuso viaggiatore
ciecamente cerca
la verità di un altro mondo
in cui sa di poter appartenere.
Immagini sacre dell'angelo custode,
riaffiorate nella mente di un sognatore,
ricostruiscono il paradiso perduto
del vero amore
in chi non ha mai amato.
Perdonando la caducità del sé
per non aver realizzato al momento
il futuro da sempre sognato,
scompare l'insopportabile disperazione
che l'ha sempre accompagnato
nell'interminabile cammino spirituale.
Nel tenero cuore
come nel luminoso spirito
di un alternativo presente,
la realtà della sua fantasia
ha pertanto cambiato il passato.
Roberto Pozzi
Composta lunedì 17 novembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ROBERTO POZZI

    Domani

    A qualche anima fortunata
    è stata pure concessa
    la facoltà di sprecare
    la preziosa vita,
    alla fine dei conti,
    arriviamo tutti al quel fatidico dunque.
    Riflettendo sullo scorrere del tempo
    non ne rimane mai abbastanza,
    il futuro che uno s'immagina
    può non esistere,
    neanche nei sogni.
    Cosa si vuole veramente fare
    nell'ultimo giorno
    della propria esistenza
    è la domanda che ha un senso,
    cosa stiamo aspettando...
    finché siamo in tempo
    è meglio scoprire
    per cosa vale la pena
    vivere... domani.
    Roberto Pozzi
    Composta lunedì 10 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ROBERTO POZZI

      Il coraggio d'amare

      Alla fine quella Cassandra
      non aveva sbagliato la profezia,
      il riservato principe dei tuoi sogni
      ha poi continuato il suo cammino
      con il cuor di pietra distrutto
      da un'abbaglio d'amore.

      Se le dimensioni corporee
      sono abbastanza ravvicinate,
      nella tua fuga dal mio presente
      i nostri spiriti sono rimasti così distanti
      non permettendo ulteriori condivisioni
      di quelle malaugurate vite
      che ancora ci appartengono.

      Nei panni del profano,
      ingenuo ma romantico sognatore,
      sempre sconvolto dal male oscuro,
      senza apparente motivazione
      abbandonato a contemplare
      nell'infernale limbo
      quel vuoto del nulla
      a me ben noto.

      La paura di guardare
      all'interno della tuo essere
      o nella mia anima ferita
      non ha fatto che annientare
      il mio infinito desiderio d'affetto,
      chiudendomi nel profondo sé
      sono così diventato
      la tua copia speculare.

      Dietro quel muro di gomma
      eretto per respingere a priori
      un'eventuale delusione,
      non si può vivere
      il nobile sentimento
      che ci rende umani,
      il coraggio d'amare.
      Roberto Pozzi
      Composta martedì 21 ottobre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ROBERTO POZZI

        Chissà

        Tra le lacrime
        che non riesco a trattenere,
        piango perché non so che fare
        o perlomeno su quale percorso
        mi dovrei orientare
        per andare avanti.
        Continuo sulla mia strada
        come un mulo accecato
        dall'amaro destino
        con la mia unica fede
        a sperare nella luce
        alla fine del tunnel,
        chissà,
        mi continuo a domandare,
        se il mio Signore
        mi farà mai conoscere
        il sentimento divino!
        Roberto Pozzi
        Composta giovedì 9 ottobre 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ROBERTO POZZI

          La vergogna dell'amore

          A cosa serve
          sentirsi in colpa
          per sentirsi diversi
          da una normalità
          che non è mai esistita?

          Vivere un'esistenza dettata
          dalla falsa moralità
          creata dai padri eterni dell'inferno
          per sentirsi vivi!

          Nessuno in qualsiasi mondo
          non ha il diritto
          di giudicare l'amore,
          di rovinare l'esistenza
          di un altro essere umano,
          costringerlo a sentirsi un peccatore
          per chi desidera sorridere
          la mattina dopo!

          Inutile soffrire
          per delle bigotte credenze,
          è meglio dimenticare
          la vergogna degli altri
          e amare chi si desidera
          con tutta la propria anima!
          Roberto Pozzi
          Composta sabato 27 settembre 2014
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di