Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta
Se i libri fossero di torrone,
ne leggerei uno a colazione.

Se un libro fosse fatto di prosciutto,
a mezzogiorno lo leggerei tutto.

Se i libri fossero di marmellata,
a merenda darei una ripassata.

Se i libri fossero frutta candita,
li sfoglierei leccandomi le dita.

Se un libro fosse di burro e panna,
lo leggerei prima della nanna.
Composta sabato 25 luglio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Talamonti

    Orso

    Ho visto non visto
    nascosto nel fresco
    nel folto del bosco
    sbruffone malbrusco
    snasante i germogli
    gnuffando fungaglie
    frusciandosi foglie
    leccando leccando
    scolandosi il miele
    ombroso il testone
    il grugno brontoso
    muscoso il gobbone
    l'unghione frugoso
    frullona pelliccia
    spellando corteccia
    pescando il salmone
    snaffando la trota
    con zampa corsara
    leccandosi il muso
    con lingua golosa
    fischiando sbadigli
    per troppo digiuno
    ho visto non visto
    il gran orso bruno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Araba Fenice

      "Quieto Potato", Ed. Nuove Edizioni Romane, 1983

      Per chi vuole partire
      ma anche un po' restare
      c'è il treno elastico:
      il primo vagone
      giunge a destinazione
      ma l'ultimo rimane alla stazione
      Per chi vuole partire
      ma anche un po' tornare
      c'è il treno elastico.
      Si siede in testa al treno
      e va lontano
      e poi se ha nostalgia
      attraversa i vagoni fino in coda
      e torna alla partenza piano piano.

      Roberto Piumini.
      Vota la poesia: Commenta