Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Binario

Ti guardo ogni giorno,
l'alba t'illumina
ogni mattina,
con te, vivo ogni tramonto.

Ti guardo.
Ti vedo.
Ti ascolto.

Mentre la gente
passa e va.

Passa e va,
e noi siamo qui sempre vicino...
... quasi vicino.

Ti guardo,
la tua pelle liscia,
riflette il sole
che t'illumina,
la notte guardo le stelle
riflesse nei tuoi occhi.
Sono felice...
Sono triste...
L'amore perfetto
di due rotaie,
che s'incontreranno
solo all'infinito.
Ma sarò sempre
al tuo fianco,
e tu sarai sempre
la mia metà
di binario
della vita.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Venezia

    Ho visto un'ombra
    giocare con uno
    specchio d'acqua,
    un tappo di sughero
    ballare sulle onde,
    delle voci rincorrersi
    su cavalloni
    d'echi sbizzarriti.

    Ho visto la vita muoversi,
    tra scalini e calle.

    Ho guardato colombi,
    disegnare il cielo
    con le loro piume.

    Ho visto volti
    sorpresi, stupiti,
    annoiati e luminosi.

    Mani strette
    ad altre mani,
    intrecciate
    da sentimenti.

    Ho ascoltato
    in angoli bui,
    parole sussurrate,
    piccole parole,
    che parlavano di un mondo
    d'amore eterno.

    Ho visto i nostri passi,
    camminare soli
    tra la folla.

    Ho visto la Venezia.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Scrivimi.

      Ho letto le tue labbra con un bacio,
      c'era scritto l'amore che mi dai.

      Parole scolpite dal vento
      sulla sabbia decorata di conchiglie.

      Ho visto parlare il tuo cuore,
      con le mie lettere d'amore.

      Ho trovato scritto poesie
      che parlavano dei tuoi sentimenti.

      Labbra tremolanti e profumate,
      calde e piccanti,
      in sordina scrivevano
      i nostri attimi felici,
      i baci silenziosi,
      i momenti d'ansia e d'intensa gioia.

      Ho letto sulle tue labbra
      la voglia di gridare felicità,
      di bruciare l'odio del mondo,
      denunciare tutte le atrocità.

      In quegli scritti,
      c'era il desiderio di restare soli,
      con l'amore e la passione.

      Il mio bacio ha letto le tue labbra,
      ed ha lasciato scritto ancora
      le parole "amore per sempre".

      Ho letto le tue labbra amore mio,
      mille bolle di sapone dovrebbero innalzarsi
      per contenere l'amore che ogni
      tua parola sa donare.
      ... scrivimi per sempre.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Rugiada.

        Mille desideri
        portati dal vento,
        una nube di ali,
        si posano sul prato.

        Profumi di fiori,
        profumi di frutti,
        nati nella viva terra.
        Radici di piacere
        corrono nel corpo,
        viaggiano nelle vene,
        portano onde di piacere
        sul mare della vita.

        Ali che si posano e ascoltano
        il battito della vita, della terra,
        del fuoco di sensazioni.

        Brividi ricoperti da foglie,
        imbrunite dai riflessi del tempo,
        marcate dal sole, dalla luna.

        Un fazzoletto imbevuto in una fontana,
        fonte di vita, di ricordi.

        Dei passi sulla fresca rugiada,
        piedi nudi che rubano
        emozioni alla terra.

        Uno sfarfallio,
        un raggio di sole
        danza tra le nuvole,
        viaggia tra cielo e terra.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Amo.

          In tutta la mia vita non ho cercato
          in ogni angolo e in ogni momento, l'amore.
          Non ho inseguito ogni istante la sua ricerca.
          Non ho letto le stelle per sapere
          se questo era vicino o lontano.
          Ho sempre vissuto pescando quello
          che il mare mi regalava.
          Una rincorsa assediante della sua mancanza
          non mi rendeva cieco dalla realtà.
          Questo è stato il giusto corso per trovare
          quello che il mio cuore cercava.
          Trovare una rosa che sboccia
          in una notte d'inverno.
          Sentire il profumo di questa rosa
          che sboccia nel cuore della notte.
          Amore mio, ho ascoltato il tuo cuore,
          ho letto nei tuoi occhi,
          ho ascoltato le tue labbra sulle mie mani,
          i sorrisi del tuo cuore.
          Cuore mio, hai trovato la tua compagna,
          la tua anima gemella,
          il sorriso che ti farà vivere.
          Non eri dietro un angolo,
          non eri coperta da una foglia di primavera,
          non eri muta sotto un sasso di un ruscello.
          Eri viva, la tua vita scorreva, dolce o triste, correva.
          Aveva la sua strada, una strada con sassi, irta,
          una strada con prati verdi e profumati.
          I nostri cuori, mentre le nostre vite camminavano,
          si stavano per incontrare.
          Nel punto d'incontro siamo arrivati,
          adesso la strada non sarà solo di prati fioriti
          dipinti di margherite bianche come la tua anima.
          Non sarà un prato dove solo i cerbiatti vivono
          e sorridono ai loro compagni di giochi.
          Sarà un prato anche con qualche ombra,
          anche con macchie d'erba secca.
          Ma sarà un prato dove saremo assieme,
          dove le piccole zolle difficoltose
          saranno superate aiutandosi per mano.
          Come potrei camminare su questo prato
          senza il tuo sorriso?
          Come potrei arrivare alla fine del prato
          non avendoti a fianco.
          Vota la poesia: Commenta