Scritta da: Silvana Stremiz

Camminando

Camminando nei tuoi pensieri
ho incontrato riflessi
di sole ridenti.

Ho parlato con nuvole tristi,
arcobaleni radiosi.

I miei passi hanno
sfiorato sassi di cuore,
perle scappate dalla
loro prigione
per cavalcare l'onda
della libertà.

Ho visto un fiore
che dipingeva sorrisi,
imbottigliava profumi
di pelle innamorata.

Camminando nei tuoi pensieri
ho incontrato vecchi
ricordi di fanciulla,
legati con fiocchi rosa,
profumati di verginità.

Dolci ricordi di mani
fra i capelli,
note di una ninna nanna
intonata da voci sicure.
Ho visto un cappello,
con una tesa seria ma orgogliosa.

Balocchi che giocavano
con una bimba felice.

Ho visto della cenere di spine
bruciate sul rogo della libertà,
racchiuse dai muri dei ricordi,
in celle buie e segrete.

Ho visto un cielo di bolle
colorate di giallo grano,
di verde cespuglio,
di rosso papavero.
Ho visto uno spazio
libero per l'amore.
Ho visto te.
Roberto Perin
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Venezia

    Ho visto un'ombra
    giocare con uno
    specchio d'acqua,
    un tappo di sughero
    ballare sulle onde,
    delle voci rincorrersi
    su cavalloni
    d'echi sbizzarriti.

    Ho visto la vita muoversi,
    tra scalini e calle.

    Ho guardato colombi,
    disegnare il cielo
    con le loro piume.

    Ho visto volti
    sorpresi, stupiti,
    annoiati e luminosi.

    Mani strette
    ad altre mani,
    intrecciate
    da sentimenti.

    Ho ascoltato
    in angoli bui,
    parole sussurrate,
    piccole parole,
    che parlavano di un mondo
    d'amore eterno.

    Ho visto i nostri passi,
    camminare soli
    tra la folla.

    Ho visto la Venezia.
    Roberto Perin
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Tristezza

      Tristezza
      Ho lacrime, dolore, rabbia,
      disperazione da bruciare.

      Non ho una bara su cui disperarmi,
      una foto su cui piangere,
      un vaso per deporre rose
      rinfrescate di lacrime.

      Passi su un viale ghiaioso,
      all'ombra dei cipressi consolatori,
      non posso farli,
      non ti troverei...

      Il focolare caldo,
      le tue pantofole,
      sono sole.
      Non ti troverei lì.

      il sepolcro di un sentimento
      é nell'anima.

      Il nostro sarà
      nella mia per sempre.
      Roberto Perin
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di