Scritta da: Grifo62

Prendimi

Prendimi,
perché la fragranza del mio alito
possa penetrare fin nelle profondità
del tuo ardore.

Prendimi,
perché se anche mille spine mi circondano
non ferirei mai le tue dita,
del miele della vita le ungerei.

Prendimi,
non temere per me,
perché il sole con i suoi raggi mi ha reso forte,
destinandomi fragile solo alla magia delle tue mani.

Prendimi,
prima che il vento mi porti via,
lasciando incompiuto il mio destino
di sfiorire dei miei petali sulla tua pelle.

Prendimi,
ti prego, non esitare,
perché se non mi cogliessi
perderei la più dolce opportunità di morire,
e tu la più gioiosa occasione di vivere.

Prendimi e portami con te,
perché la mia anima sbocciando
ha rivelato la mia sorte,
appassito, ma felice,
custodito gelosamente tra le pagine
del tuo domani.
Riccardo Ruschetti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Grifo62

    Seduto sulla riva

    Seduto sulla riva,
    Lo vidi avvicinarsi da lontano.
    Gli dissi: "Non ho voglia
    di specchiarmi nell'acqua che Tu mi dai".
    Ma Egli, con un sorriso,
    creò con le Sue mani
    una lacrima,
    posandomela fra le ciglia.
    Sussultai: "Perché mi fai questo?".
    In silenzio un'altra ne formò,
    liberandola sulle mie labbra.
    "Ascolta il sapore" mi disse,
    "segui il tuo cuore".
    Pace in quel momento mi invase,
    con stupore mi alzai
    e Lo abbracciai,
    ma Lui non era più.
    Era dolce, era limpida,
    era di felicità.
    Riccardo Ruschetti
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di