Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Renard Suaso

Radici

Giro sperso nella città, con occhi spenti e un velo di tristezza.
Ma l'illusione che potrei incontrarti accende ogni speranza.

Trovarti tra i mille volti che affollano queste immense strade,
nelle mattine fredde d'inverno o tra la calda luce d'estate,
tuffarmi nei tuoi profondi occhi, incrociare il tuo viso,
vedere le tue labbra muoversi accennando un sorriso...

Ma l'illusione è vana, lo stesso sole mai ci afferra,
siamo alberi lontani seminati in questa sterminata terra.
Le nostre foglie mai si confonderanno ad ogni soffio del vento,
abbiamo solo profonde radici, fatte d'empatia e sentimento.

Ovunque sei, il tuo ricordo sempre aleggia,
alimenta felicità, sorrisi e anche qualche lacrima,
la memoria è la nostra terra, la poesia la nostra pioggia,
le mie radici saranno legate per sempre a quelle della tua anima.
Composta martedì 2 luglio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Renard Suaso

    Luce che danza

    Chissà se ricordi ancora,
    sembra ieri o qualche giorno fa.
    L'imprudenza di scriverti con una scusa vuota,
    per viaggiare nel tempo e riportarci a quell'età.
    E quel treno già fuggito, l'ho ripreso,
    nella mia piccola valigia stavano dolci ricordi e parole,
    sogni che parlavano d'amore frainteso,
    tra un arcobaleno e le poesie di un libro sotto il sole.

    T'incontrai per sbaglio, il saluto un azzardo,
    ma ancora oggi quel pomeriggio non lo scordo.
    Complicità dentro le nostre poche parole di fumo,
    un veloce bacio di cui sento ancora il profumo,
    e il mattino che dalla notte si fece tentare,
    nel freddo e tra le luci di Natale,
    l'emozione del nostro incontro mi tenne sveglio,
    mentre scrivevo poesie in un vecchio foglio.

    E adesso tra quelle mute righe che riguardo,
    come buio e luce, leggo i tuoi sorrisi e tuoi tanti no,
    tu la chiami nostalgia, ma non ho dimenticato il ricordo
    di quell'unico abbraccio che la vita mi cambiò.
    E adesso che non sei qui, il tempo veloce va
    ai confini di questo spazio resterò.
    Sola, ogni tua parola dentro al mio cuore fremerà.
    Luce che danza, nel silenzio del buio ti aspetterò.
    Composta venerdì 14 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta