Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marilù Rossi

Campanilismo

Nu Milanese fa na cosa? embè,
tutta Milano: - Evviva 'o Milanese!
È rrobba lloro e l'hann' 'a sustenè,
e 'o stesso 'o Turinese e 'o Genovese.

Roma? : - Chisto è Rumano e si è Rumano,
naturalmente vene primma 'e te.
Roma è la Capitale! E si è Tuscano,
Firenze ne fa subbito nu rre.

Si fa na cosa bona nu Pugliese?
Bari, cu tutte 'e Puglie, 'o ffa sapè.
Si è d' 'a Basilicata o Calavrese,
na gara a chi cchiù meglio 'o po' tenè.

È nu Palermitano o Catanese?
tutt''a Sicilia: - Chisto è figlio a mme!
Si è n'Umbro, Sardo, Veneto, Abruzzese,
'a terra soia s''o vanta comme a cche.

Le fanno 'e ffeste, aizano 'o pavese:
senza suttilizzà si è o nun è.
Nun c'è nu Parmigiano o Bolognese
ca 'e suoie nun s' 'o difendono; e pecché

si è nu Napulitano, 'a città soia,
'o ricunosce e nun ce 'o ddà a parè?
S''o vasa 'nsuonno e nun le dà sta gioia.
E 'e trombe 'e llate squillano: " Tetèee! "

Qualunque cosa fa, siente: - " E ched'è? "
" 'O ssaccio fà pur'io. " " Senza pretese. "
E chesto simme nuie. Dopo di che,
Nun se fa niente 'e buono a stu paese?

E tu, Napule mia, permiette chesto?
Strignece 'mpietto a te, figlie e figliaste.
Arapencelle 'e braccia e fallo priesto:
avimm' 'a stà a " guaglione " e simmo maste.

T'avante 'e vermicielle, 'e pummarole:
mmescace pure a nuie si 'o mmeretammo.
Che vvuò ca, cu stu cielo e chistu sole,
te dammo nu saluto e ce ne jammo?

Campanilismo bello, addò sì ghiuto?
facimmolo nuie pure comme a ll'ate.
si no p' 'a gente 'e Napule è fernuto,
e nun sarrammo maie cunsiderate.

Talento ne tenimmo, avimmo ingegno:
nu poco sulo ca ce sustenimmo,
cunquistarrammo chillu posto degno
ca, pè mullezza nosta, nun tenimmo.

Quanno na cosa è bbona e è nata ccà,
nu milione 'e gente l'ha da dì.
E vedarraie po' Napule addò va,
cu tutto ca è 'o paese d' 'o ddurmì.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi

    Il Testamento

    Si overo more 'o cuorpo sulamente
    e ll'anema rinasce 'ncuorpo a n'ato,
    ì mo sò n'ommo, e primma che sò stato?
    'na pecora, 'nu ciuccio, 'nu serpente?
    E doppo che sarraggio, 'na semmenta?
    n'albero? quacche frutto prelibbato?
    Va trova addò staraggio situato:
    si a ssulo a ssulo o pure 'mmiez''a ggente.
    Ma 'i nun 'e faccio 'sti raggiunamente:
    ì saccio che songh'io, ca sò campato,
    cu tutt' 'o buono e tutt' 'o mmalamente.
    E pè chello che songo sto appaciato:
    ca, doppo, pure si nun songo niente,
    saraggio sempe 'n 'ommo ca sò nato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilù Rossi

      Amicizia

      Amicizia è n'acqua chiara,
      cristallina, trasparente,
      ca s'appanna dint'a niente
      e pirciò ch'e cosa rara.

      Cchiù 'amicizia è bella e cara,
      cchiù se sporca facilmente:
      'mmisturata 'a tanta gente
      ca te lassa 'a vocca amara.

      Chi 'a vò limpida 'e durata,
      nn' 'a sfruttasse pè prufitto,
      s' 'a tenesse, comm'è nata,

      dint' 'o core. E llà, 'amicizia,
      quanno 'o caluclo sta zitto,
      nun se sporca e nun s'avvizia.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilù Rossi

        'A Mamma

        'A Mamma è n'ata cosa: 'o cereviello,
        ll'asse d'a casa, 'o sciato, ll'armunia;
        è chella ca cumanna 'a cumpagnia:
        sta 'ncapa ò capo 'e casa, è nu cappiello.

        Attuorno tene sempe nu ruciello,
        abbada a mille cose, fa 'a Maria;
        e si nun sbatte pè na malatia,
        va ascianno sempe ll'ago cu 'o rucchiello.

        A chi nu punto, a chi na cera storta,
        a chi nu vaso, a chi n'avvertimento.
        E se capisce 'a mamma quanno è morta,

        quanno nun ce sta cchiù sta scucciantona:
        ca pare ca t'accide ogne mumento
        e, doppo nu minuto, te perdona.
        Vota la poesia: Commenta