Scritta da: Domenico De Rosa

'A cunfessione 'e Taniello

Taniello, ch'ave scrupole
mo che se vo'  'nzurà
piglia e da fra Liborio
va pe' se cunfessà.

- Patre – le dice - ì roseco,
e pe'  nniente me mpesto;
ma po' rico  'o rusario,
e chello va pe' cchesto...

Patre, 'ncuollo a li femmene
campo, e ncoppa  'o burdello;
ma sento messe e predeche
e chesto va pe' chello...

Jastemmo, arrobbo... 'o prossimo
spoglio e lle dongo  'o riesto;
ma po' faccio  'a lemmosena
e chello va pe' chesto...

E mo, Patre, sentitela
st'urdema cannunata:
a sora vostra, Briggeta,
me l'aggio  'nzaponata...

Se vota fra Liborio:
- Guagliò, tu si Taniello?
ì me  'nzapono a mammeta,
e chesto va pe' cchello! –

Traduzione

Gaetaniello, che ha scrupoli
adesso che si vuole sposare,
piglia e da frate Liborio
va per confessarsi.

Padre –gli dice - io" rosico "
e per un nonnulla mi incollerisco,
ma poi recito il Rosario
e quello compensa questo...

Padre, io vivo alle spalle delle donne
e vivo di bordello,
ma sento Messe e prediche
e questo compensa quello...

Bestemmio, rubo... il prossimo
" denudo "e gli" do anche il resto";
ma poi faccio l'elemosina
e quello compensa questo...

E ora, Padre, sentìtela
quest'ultima cannonata:
vostra sorella, Brigida,
me la sono scopata...

Gli si rivolge don Liborio:
-Guagliò, tu sei Gaetaniello?
Io mi fotto tua mamma,
e questo compensa quello! -.
Raffaele Petra Marchese Di Caccavone
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di