Scritta da: Raffaele Caponetto

Libertà senza confini

Libertà è un valore assoluto
ricompensa del paradiso perduto
Libertà non ha padroni
non è schiava di soldi e blasoni
Libertà come voli di uccelli
sempre liberi a tutti i livelli
Libertà su un'isola sperduta
per godere di quiete assoluta
Libertà senza cappi e catene
per essere liberi da ansie e pene
Libertà nell'Africa nera
con un'anima non più prigioniera
Libertà sui ghiacci perenni
sempre liberi per tutti i millenni
Libertà ai tropici e ai poli
non più lacci e neanche laccioli
Libertà su oceani e mari
sono valori da sempre primari
Libertà negli spazi vitali
essere liberi da legami letali
Libertà ovunque si va
per ognuno che lo vorrà
Libertà a tutto tondo
Libertà in tutto il mondo.
Raffaele Caponetto
Composta giovedì 30 maggio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Raffaele Caponetto

    Panacea

    Eliminare la sofferenza
    con l'aiuto della scienza
    tutto ciò che sopravviene
    o si cura o si previene
    ma anche il farmaco migliore
    non può togliere ogni dolore
    tutto ciò che si è trovato
    è soltanto un surrogato
    il rimedio ai tuoi malori
    è ben noto fin dagli albori
    chi ti cura con amore
    con passione e calore
    dedizione e sobrietà
    è la dolce tua metà.
    Raffaele Caponetto
    Composta sabato 25 maggio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Raffaele Caponetto

      Passatempo

      Non lontano da Bolzano
      è successo un fatto strano
      in un piccolo paese
      un modello tirolese
      aspettavo in stazione
      per tornare alla magione
      ma con grande disappunto
      un problema si era aggiunto
      per uno sciopero aziendale
      fu bloccato il treno regionale
      valutando la situazione
      per cercare una soluzione
      un'idea mi è balenata
      un pochino strampalata
      per partire c'era tempo
      ero in cerca d'un passatempo
      un'abitudine da coltivare
      belle ragazze corteggiare
      presto detto e presto fatto
      ho trovato un tipo adatto
      una bella signorina
      veramente assai carina
      l'approcciai con un sorriso
      che ha ben presto condiviso
      e con gran naturalezza
      senza alcuna incertezza
      poco dopo ci abbracciammo
      e così ci affiatammo
      dolci baci e assai carezze
      han dissolto le incertezze
      avvinghiati ed eccitati
      eravamo destinati
      a godere l'avventura
      con frenetica premura
      con un fischio assordante
      era il treno che incurante
      della nostra bramosia
      ha turbato l'armonia
      con un bacio e con languore
      ci lasciammo a malincuore.
      Raffaele Caponetto
      Composta giovedì 23 maggio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Raffaele Caponetto

        Segnali

        Sogni premonitori
        segni divinatori
        molto spesso forieri
        di eventi deleteri
        stormi di uccelli neri
        maghi e fattucchieri
        cumuli di nuvole nere
        sbuffi di ciminiere
        un'upupa sul tetto
        uno sciacallo nel deserto
        una bocca sdentata
        una serpe avvinghiata
        teschi ammassati
        cadaveri smembrati
        ringhio di un mastino
        pianto disperato di bambino
        uomo impiccato
        soldato ammazzato
        una mano mozzata
        una mazza ferrata
        un cavallo morente
        un amico maldicente
        un cuore spaccato
        un bimbo avvelenato
        un fuoco di sterpi
        un covo di serpi
        una croce uncinata
        una falce affilata
        il buio della notte
        segnali di morte.
        Raffaele Caponetto
        Composta mercoledì 15 maggio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di