Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Rabindranath Tagore

Poeta, drammaturgo, scrittore e filosofo, nato lunedì 6 maggio 1861 a Calcutta (India), morto giovedì 7 agosto 1941 a Calcutta (India)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Nubi su nubi si addensano

Nubi su nubi si addensano
e si fa buio.
Amore mio, perché mi lasci tutto solo
sulla porta ad aspettarti?

Nei momenti più intensi del lavoro
durante il giorno
sto tra la gente
ma in questo momento
così buio e desolato
solo in te posso sperare.
Se non mi mostri il tuo volto
se mi lasci qui in disparte
non so come riuscirò a sopportare
queste lunghe ore di pioggia.

Osservo in lontananza
l'oscurità del cielo
e il mio cuore gemendo
vaga col vento inquieto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisa Iacobellis

    Al chiar di luna

    Calma, calma questo cuore agitato,
    tu, notte tranquilla di luna piena.
    Troppe gravi preoccupazioni,
    più e più volte
    gravano sul mio cuore.
    Versa tenere lacrime
    Sopra brucianti pene.
    Con i tuoi raggi argentati,
    portatori di sogno e di magia,
    morbidi come petali di loto,
    o notte, vieni, accarezza
    tutto il mio essere
    e fammi dimenticare
    tutte le mie pene.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marilù Rossi
      Colsi il tuo fiore, oh cielo!
      Lo strinsi al cuore
      e la spina mi punse.
      Quando il giorno svanì e si fece buio,
      scopersi che il fiore era appassito
      ma il dolore era rimasto.

      Altri fiori verranno a te,
      con profumo e con fasto, oh cielo !
      Ma per me è passato
      i l tempo di cogliere fiori;
      nella notte buia non ho più la mia rosa,
      solo il dolore è rimasto.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marilù Rossi

        Non celare il segreto del tuo cuore

        Non celare il segreto del tuo cuore,
        amico mio.
        Dillo a me, solo a me, in segreto.
        Tu che sorridi tanto gentilmente,
        sussurralo sommessamente,
        il mio cuore l'udrà,
        non le mie orecchie.

        La notte è fonda,
        la casa è silenziosa,
        i nidi degli uccelli
        son coperti di sonno.

        Dimmi tra lacrime esitanti,
        tra sorrisi titubanti,
        tra dolore e dolce vergogna,
        il segreto del tuo cuore.
        Vota la poesia: Commenta