Scritta da: Elisabetta

La Morte!

A chi dicésse male de la Morte
o si chiedésse a me se sò chi sia
dirèi: ch'è'na "Signora" e fà la corte
a tutti quanti pè portacce via.
'Na notte la inzognai e 'sta "Signora"
me venne pè pijà ma nù era l'ora!

Me la ricordo pallida ner vorto
'na lunga farce co un mantello nero
je feci finta d'èsseme già morto
ma Lei s'accorze che nun era vero,
me riallisciò co quele fredde mani
come pè dì ripasserò domani!

Appena ho acceso a la Madonna un cero
sento scricchià la porta e mozzo er fiato
'ntravedo controluce er manto nero
e penzo fra de me che sò arivato.
Entra e po' arisòrte, (er mucchio d'ossa)
me vòle stracinà drento a 'na fòssa!

Quanno er respiro fà la raganella
e sgamo in mano ar Prete l'ojo santo
vedènnome er Becchino e la barella
saluto er monno e me faccio 'n pianto.
Sento da fòra i passi pè la via...
nun ciò più dubbi è l'(Amica) mia!

Fortuna è stato un zogno ma a penzacce
è come se sudassi a freddo ancora,
ricordo m'ariprési, e 'n zò fregnacce
sortanto quanno venne la "Signora",
che a voce bassa fece co un zoriso
- Annàmo Piè, te porto in Paradiso! -
Pietro Serra
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    "Padre padrone"!

    - Papà cosa vuol dir "Padre padrone"? -
    - Penso che voglia dir papà severo, -
    - Io non ci credo, stai dicendo il vero? -
    e poi mi risvegliai alla Stazione.
    Partendo mi abbracciasti forte forte
    come se a presagir l'amara sorte!

    In quella guerra aspra e sanguinosa
    che seminò ovunque morte e lutti,
    caro papà, pagasti più di tutti
    perdendo oltre la casa la tua sposa.
    Fu quel destin crudele la cagione
    che forse ti mutò in "Padre padrone"!

    Quanto vorrei papà non ricordare
    quegli anni della mia fanciullezza
    quando voglioso di una tua carezza
    restavo lì deluso ad aspettare,
    o a quelle poche risa soffocate
    che credi non ho mai dimenticate!

    Un giorno mi dicesti - Sto morendo,
    perdonami se puoi - e poi spirasti,
    rispetto alla famiglia m'insegnasti,
    rispetto che purtroppo sta sparendo.
    Or che non odo quei tuoi passi stanchi
    dico fra me - Papà, quanto mi manchi! -

    Giaci non soffri, eppur soffrir mi fai,
    t'involi verso la più alta vetta,
    torni da Mamma mia che benedetta
    sicuramente in cielo troverai.
    Papà, serbo a ricordo un medaglione
    ove rimpiango te "Padre padrone"!
    Pietro Serra
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      Vorrei sentir papà!...

      Vorrei sentir papà quell'acre odore
      che emanavi sempre al tuo rientro,
      quel non gradito frutto di un sudore
      che faticando assorbivi dentro,
      dentro di te papà, che al sole ardente
      curvo vangavi terra di altra gente!

      Vorrei sentir papà quelle tue mani
      ruvide quasi al punto di far male
      ancora accarezzarmi e all'indomani
      venirti incontro allegro lungo il viale,
      ove con tenerezza e tanto affetto
      mi alzavi al cielo dandomi un bacetto!

      Vorrei sentir papà quella tua voce
      che ogni sera dedicava a mamma
      belle romanze, finché un morbo atroce
      ce la rapì lasciandoci nel dramma.
      Ora non canti più, per malasorte
      giaci con lei nel sonno della Morte!
      Pietro Serra
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        "Roma" sparìta!

        Fabbrizzi e Sordi a spasso 'n Paradiso
        svagànno la Magnani che piagneva,
        je fanno - Annarè, facce'n zoriso
        semo noi dua, - ma lei nù risponnéva,
        poi, se vortò de scatto e inviperita
        - Si séte morti voi, Roma è sparita! -

        - Anna, che vai dicènno - fa Arbertone,
        - c'è ancora chi ce prova pè sarvalla,
        a esempio Montesano, 'n'amicone
        che fà der tutto pè tenélla a galla, -
        - e 'n te scordà - fa Ardo - Roma vanta
        d'avè in Proietti, un "Pezzo da Novanta"! -

        - Co 'ste fregnacce voi nun me 'ncantate
        jeri ho'ncontrato puro Craudio Villa
        che aludènno a vecchie stornellate
        fece capì che mo 'n'artro sfavilla,
        tant'è, che Roma e li tresteverini
        se li decràma lui, Lando Fiorini! -

        - Ma nun vedete? Roma 'nzino a sera
        è invàsa da'no smògghe puzzolente,
        lo ignètteno serpenti de lamiera
        quasi 'nventati a 'ntossicà la gente,
        e questa Roma, la "Città Sovrana"...
        'n do pòi campà si e no 'na settimana! -

        - e ciài raggione Annarella mia
        te vònno 'nfinocchià, nù je da retta,
        ascorta 'sto Poveta, è 'na follìa
        sperà che 'sta città ariviè perfetta.
        Mo, pè li mejo... (iti) a nòva vita
        me piagno 'nzieme a te "Roma sparita"! -
        Pietro Serra
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di