Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Pietro Saglimbeni

Ovale universale

Annunciato antonellesco azzurro
ovale universale ammantato di mistero

dell'uomo non uomo che verrà
dal tuo ventre femminile

ombelico scoperto a passeggio
per le strade di Messina

o una città altra di antiche mura
e moderne virtù.

Oh la tua bocca di rosa chiusa oh la tua mano aperta che aspetta!

Tu aspetti il candido giglio
e ascolti l'ebraica parola

di un angelo o un uomo terreno
che accende il frutto nel seno

di te donna di ogni tempo
in ogni tempo madre di figli

che tornano a farsi verbo
e immagine immortale

ovale universale antonellesca e azzurra.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pietro Saglimbeni

    Come dire, donna

    Nessun poeta al mondo
    col suo fiume di parole
    saprebbe mai dire
    la bellezza del tuo cuore... donna!

    Chi potrebbe rubare gli occhi
    che guardano la bambola
    dietro una vetrina, la mano
    che pettina capelli artificiali
    e la mano che asciuga lacrime vere... donna!

    Nessun poeta è adatto,
    ma neanche il pittore riesce,
    a cogliere intera la tenerezza
    di quei seni, l'ombra dei capezzoli, la curva
    delle spalle che turba sogni e pensieri; come dire le intime radure di Venere,
    vene d'acqua che dissetano
    mani e cuore... donna!

    Non bastano un fiume di parole, il marmo
    del mondo, l'arte di Fidias,
    del Canova per quando
    guardi intenta, e pensi, e lavori come sai, Eva senza peccato
    odorosa mela... e donna!
    Vota la poesia: Commenta