Scritta da: Pietro Campioni
I tenghe comme amiche nu signore
Ca quanno nun se fida e sta chiù sule
Accommenza'a parlà dinta o telefono.
Pronto... sei tu? Che fai? Pè caso stai pensanne
A chelle ca m'insonno, a chiù desiderata
che n'capa, mmieze a fronte a tengo già stampata?
Ueh ueh, signurì, fusseve asciute e capa,
v'avite a figurà che o tiempe è già passate
v'avesseve piglià currivo pe na questione e pile?
Avite arriflettute? N'sia mai ve capitasse
Nu piezze e bbona mamma... e vuje che ce cuntate
Ca'o fridde da staggione l'ave tutto arrugnate?
Amico mio arrepensace, sti curve accentuate,
e a cammenata nu poche antroppecosa vo dicere
ca cheste nun so cosee pe biecchie comme nuje.
I te canosco bbuone, te vutte sempe annanze
Pe no cadè adderete, pe datte n'apparenza
E chi se sente dicere... chi chille? È n'omme vissute.
tu me capisce bbuone? Primma ca sponta o sole
arritirammece mo mo ca ce conviene e cchiù.
Zitte, zitte, aumme aumme, strignenne sotto mure
Ce ne tornamme a casa ancora dinte o scure,
jamme, facimme ampressa, fra ppoco sponta o sole,
a chille ca c'encontra che palla raccuntamme?
Ca simme jute a piscà anguille? E chi so crederà?
Certo ca m'aricordo e quanno eràme rille
Ma chesta è nata cosa, mo stammece tranquille
Sinnò vene o fiatone e nce fottimmo o core,
chille ce serve ancora, ce serve pe campà.

Senza titolo
Io per amico ho un signore
Che quando vuole distrarsi un po'
Incomincia a parlare al telefono.
Pronto... sei tu? Che fai? Per caso stai pensando
all'oggetto dei miei sogni, la cosa tanto amata
che al centro della fronte ormai ce l'ho stampata?
Oh, oh cosa ti succede, cominci a dare numeri,
ti devi far capace che di tempo ne è trascorso
te la vuoi prendere tanto per una questione di pelo?
Cerca di riflettere, non sia mai ti capitasse
Una che sa il fatto suo.... Che cosa le racconti
Che il freddo di stagione te lo l'ha rimpicciolito?
Amico mio ripensaci, le curve prosperose come
l'ancheggiamento, non sono più per vecchi come noi.
Io ti conosco bene, ti butti sempre avanti
Per non cadere indietro, per darti un'apparenza così
quando si sente dire, chi quello? È un uomo vissuto.
Ascoltami, prima che spunti il sole
Ritiriamoci di fretta che è meglio per noi.
Di soppiatto, camminando aderenti al muro
Ritorniamo verso casa ancora con il buio,
svelto, facciamo presto, fra poco spunta il sole,
altrimenti a chi c'incontra che palle raccontiamo?
Che siamo andati per anguille? E chi ci crederà?
Anch'io ricordo di quando eravamo come grilli
Ma questa è un'altra cosa, adesso stiamo calmi
Altrimenti ci viene il fiatone e ci giochiamo il cuore,
quello ci serve ancora, ci serve per campare.
Pietro Campioni
Composta sabato 5 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di