Scritta da: Rayban
Non so dirti cosa sia l'amore,
non ne so abbastanza.
Potrei farti esempi o descrizioni,
sintesi di sentito dire.
Potrei dirti frasi ad effetto,
senza nulla dimostrare.
Quindi non amarmi
cercando o aspettando qualcosa;
lascia che ci amiamo
come ci viene naturale,
perché amarsi
è qualcosa di personale.
Pietro Alfredo Bevilacqua Fazzini
Composta nel novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rayban

    L'ultima foglia

    Scossa da soverchio vento
    trema l'ultima foglia:
    si stacca e ondeggia a mezz'aria.
    Una nuova fredda folata
    la sperde tra le compagne
    già cadute a terra.
    Allora si piange il verde
    che giace rosso al suolo.
    No, io soffro una pena
    di maggior angoscia
    per l'albero,
    rimasto solo
    ad affrontare l'inverno.
    Pietro Alfredo Bevilacqua Fazzini
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rayban
      Nella solitudine delle mie mura
      osservo la notte scura.
      La pioggia tambureggia sul tetto,
      sento il sapore del legno bagnato.
      Il vento romba intorno al mio petto,
      rivedo i rumori del mare arruffato.
      No! Questo temporale non lava via
      questa mia malinconia.
      Pietro Alfredo Bevilacqua Fazzini
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rayban
        Il tempo corre senza controllo
        e tutto sembra scivolarmi addosso.
        Non conosco mai il giusto copione,
        così divengo solo una comparsa
        in una già vissuta situazione,
        che ormai somiglia ad una farsa.
        Così finisco sempre solo
        a proseguire il mio volo
        verso l'arcobaleno
        oltre il quale mi attende il sereno.
        Pietro Alfredo Bevilacqua Fazzini
        Vota la poesia: Commenta