Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Pierluigi Camilli

Ricorsi storici 1948, 1953,... 1994... 2008...?

Canta Popolo mio, canta contento:
è nata finalmente una Nazione
colma di pregi e buona intenzione
(che in verità ci fa un po' spavento)!
Le tasse, hanno detto, caleranno;
le poste, gli ospedali e tutto il resto,
tutto risolveranno molto presto;
tutte le cose, poi, funzioneranno.
Avevamo scordato'sta canzone,
che alle nostre prime votazioni,
ci prometteva ogni mascalzone!
Ora che son passati sessant'anni,
ritornano a parlar di promozioni,
ripromettendo di annullar gli affanni!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    All'Amico Giggi

    Gì! Ho scoperto che la Poesia
    nun è fatta pè ggente che lavora;
    hai da capì: si manca l'armonia,
    è Pentecoste senza Cannelora!
    Ma come fai a scrive un ber sonetto,
    ricco de ghirigori e fantasia,
    si nun stai sdraiato sopr'ar letto
    o nun te trovi a beve a l'osteria?
    Come lo poi fa, accovacciato
    a risorve un probbrema de lavoro?
    La Poesia è pè lo sfaticato:
    va fatta quanno stai senza fa gnente;
    noantri così, appetto a loro,
    scrivemo in rima: l'armonia è assente!
    E parlanno de peste e de dolori,
    de morte bianca, disastri naturali,
    nun sai quanti ne trovi de Cantori
    che ce scriveno sopra madrigali?
    Quanno che diossina e inquinamento
    ammazzeno duemila e più perzone,
    er Poeta che cià temperamento
    te ce ricama intorno'na canzone!
    Li zampilli de sangue, pianti e strilli,
    diventeno li canti de sirene...
    È forse er fatto d'esse alquanto brilli
    quanno scriveno "armonica poesia":
    le fabbriche saranno cose amene
    e tutto è come ritmo e armonia!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      Bona Pasqua

      Vorei potello dì senza paura
      d'esse banale e senza sentimento;
      ch'ogni perzona vorrei fosse sicura
      de fa cascà ogni risentimento;
      vorei'na Pasqua che davero fusse
      che se ne parla da duemila anni:
      che fusse senza fisime discusse,
      che ciann'indotto sempre a creà danni!
      Nun dovremmo celebrà solo er Passaggio,
      ma er Pascolo sereno e primordiale
      che è mancato a'gni Animale!
      E basterebbe un poco de Coraggio
      unito ar Bonsenso generale.
      È la mia Vera Pasqua augurale!

      Pierluigi Camill.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        La Morte parallela

        La Morte, ha detto un artista,
        è'na livella!
        Bensì sia vero, rattrista
        quanno la tua rotella,
        se ferma all'indice esatto,
        ch'hai sempre pensato, distratto,
        d'avecce più tempo, più giri...
        E quanno te tócca sospiri!
        L'unica consolazione,
        si come me più nun sai
        sfogatte cò'n'orazzione,
        che tanto nun ferma li guai,
        te metti a penzà a la sequela
        che Morte ci sta parallela:
        cioè questa mort'è posticcia
        e doppo un po' d'anni,
        se sa s'ariciccia.
        Così s'arimore de novo
        da Morte e rifai er turnovo!
        Er tempo che tu sei stato
        già morto,
        te serve d'apprendistato
        pè quanno sarai risorto!
        Ma nun crede a na cosa leggera:
        stavorta le cosa è severa!
        Sia chiaro che quanno risorti
        nun sei lo stesso:
        dipenne da quello che porti
        e potresti rinasce più fesso!
        Purtroppo a me è capitato
        e rifaccio er futuro ar passato!
        Pè questo stò in disappunto
        quanno m'aritócca:
        già so du vorte che spunto
        senza cambià filastrocca.
        Stavolta, perciò, quann'ariva
        sarà la definitiva!
        Ah, 'mbè! Me so scordato
        de spiegamme:
        chi è ricicciato ddù vorte,
        nun po' più annà tanto lemme
        e devecambià certe svorte
        sinnò è ormai condannato:
        la prima a lo Stato hai rubato,
        invece la seconna
        chi lavora sempre hai sfuttato;
        la terza più feconna
        de fa politica hai penzato
        sei stato furbo e te sei sarvato!
        Ecco perché certa gente
        cambianno la faccia
        continua a fa impunemente
        sempre la stessa focaccia:
        perch'è furba e inteliggente
        e campa continuamente!

        Pierluigi Camilli.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pierluigi Camilli

          Nun vojo più

          Nun vojo proprio scrive più a nissuno;
          non vojo scrive proprio un ber gnente;
          vojo lassa er cervello a digiuno;
          nun vojo più impicciamme de la gente!
          Nun vojo più penzà a chi fa male;
          nun vojo più vedè chi magna e spreca;
          nun vojo più parlà dell'ospedale;
          nun me ne frega, chiudo có'na greca!
          Vojo fa solo de la teoria
          sur male che se sente drent'ar petto;
          vojo parlà de que'la nostalgia,
          si penzi a quanno eri piccoletto!
          Da oggi, vojo dì un'eresia,
          nun me ne frega indò vado a letto!
          Vota la poesia: Commenta