Scritta da: Pierluigi Camilli

Auguri de Natale

Quist'anno vojo favve l'auguri
'a na manera un po' particolare:
e vojo, arminu semo più sicuri,
falli pè tutti; prima in generale
eppò, se me reggete finu a funnu,
davveli a parte propiu unu a unu:
a chi conoscio'ngiru p'eu munnu;
a chi magna e chi stane a digiunu;
a mojoma e fijumi pè prima;
eppò ai parenti che voju ccettalli;
a l'amici vicini, quilli in cima;
a quilli de fojetta e de taralli;
ai conoscendi de un'aru crima
che non capiscio, ma pozzo usulalli!
Un Bon Natale viru e spassionatu,
senza gniciunu scòpo sicundariu,
a tutti quilli che ho nominatu.
Ma unu più sintitu e "passionariu"
A chi tribbula e ha sempre tribbulatu;
a chi pè rrivà a fine de giornata,
ce rriva tuttu quantu sderenatu
e fa fatica pè passà a nottata!
A chi ce crede e prega u Bambinellu
e porta'a croce già da picculittu;
a chi'nce crede e sprescia u cerevellu
pè capìne com'è che campà male
e pè campane ha da fa a crucchittu!
A tutti, propiu a tutti, bon natale!
Pierluigi Camilli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    Vorrei

    Vorrei
    come un tempo,
    scrivere poesie
    scorrevoli e dolci.
    Vorrei
    trovare le parole
    ma ho in testa un vespaio;
    la mia mente è uragano.
    Vorrei
    dire delle ingiustizie, delle brutture
    in un epoca come la nostra:
    dove tutto pare preciso;
    tutto giusto.
    Vorrei
    saper dire: "Sei per tre nove!",
    in quest'era di estrema precisione;
    di calcolo.
    Ma soprattutto vorrei poter dire:
    "Tieni, fratello, metà è tuo;
    l'altra metà è per me!"
    Pierluigi Camilli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      'A liva

      Appena potata
      è tutta schilitrita:
      tutta spojata,
      tutta rinzicchita!
      Se 'a liva è vecchia,
      pare che te' 'a panza,
      pare che è canerchia,
      da 'na certa distanza.
      Ma lassa che a ninfa  je rescorre
      lappe i ramitti e drento a che branca,
      allora 'a senti quaci de discorre
      cou ventu che a contorce e che 'a sfianca.
      E 'a tecchia che a l'oju già precorre,
      a Maggiu 'a terra fa diventà bianca!
      I rami renfronnati,
      recropu 'e macagne;
      i vachi già 'ngrossati,
      te fau penzà 'e montagne
      de liva cota e pronta
      pe' esse macenata,
      e pure a 'nna conta,
      sennó va sprecata.
      E quanno l'oju casca trento 'a latta,
      te pare da vedé l'oro che fila!
      'Na  cósa che co' gnente se baratta!
      Eppó, se senti che 'nganna  te ppila,
      allora 'a gradasione è quell'adatta
      pe' esse 'i primi de 'na grossa pila!
      Pierluigi Camilli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        La Morte parallela

        La Morte, ha detto un artista,
        è'na livella!
        Bensì sia vero, rattrista
        quanno la tua rotella,
        se ferma all'indice esatto,
        ch'hai sempre pensato, distratto,
        d'avecce più tempo, più giri...
        E quanno te tócca sospiri!
        L'unica consolazione,
        si come me più nun sai
        sfogatte cò'n'orazzione,
        che tanto nun ferma li guai,
        te metti a penzà a la sequela
        che Morte ci sta parallela:
        cioè questa mort'è posticcia
        e doppo un po' d'anni,
        se sa s'ariciccia.
        Così s'arimore de novo
        da Morte e rifai er turnovo!
        Er tempo che tu sei stato
        già morto,
        te serve d'apprendistato
        pè quanno sarai risorto!
        Ma nun crede a na cosa leggera:
        stavorta le cosa è severa!
        Sia chiaro che quanno risorti
        nun sei lo stesso:
        dipenne da quello che porti
        e potresti rinasce più fesso!
        Purtroppo a me è capitato
        e rifaccio er futuro ar passato!
        Pè questo stò in disappunto
        quanno m'aritócca:
        già so du vorte che spunto
        senza cambià filastrocca.
        Stavolta, perciò, quann'ariva
        sarà la definitiva!
        Ah, 'mbè! Me so scordato
        de spiegamme:
        chi è ricicciato ddù vorte,
        nun po' più annà tanto lemme
        e devecambià certe svorte
        sinnò è ormai condannato:
        la prima a lo Stato hai rubato,
        invece la seconna
        chi lavora sempre hai sfuttato;
        la terza più feconna
        de fa politica hai penzato
        sei stato furbo e te sei sarvato!
        Ecco perché certa gente
        cambianno la faccia
        continua a fa impunemente
        sempre la stessa focaccia:
        perch'è furba e inteliggente
        e campa continuamente!

        Pierluigi Camilli.
        Pierluigi Camilli
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pierluigi Camilli

          Da sempre

          Dice ched'è, ma ch'è successo mai,
          che oggigiorno stamo sempre in guera?
          Come sarà, che mo' tutti ‘sti guai
          stanno a sortì sopra ‘sta pôra tera?
          Li cataclisma, la droga, l'aggresioni,
          stupri, le truffe co' li  ladrocini;
          in più, ce vonno toje le pensioni,
          sinno' restamo dietro ai pariggini!
          Eh, caro Peppe!, ciai memoria corta!
          Sti fatti che lamenti so' successi
          puro ne' l'era ch'oramai è morta!
          Solo che allora ereno permessi
          sortanto a pochi e solo for de porta;
          e l'antri tutti zitti e sottomessi!
          Prima nun le sapevi l'avventure;
          nun lo sapevi quanno le mazzate
          scapocciaveno pôre creature;
          nun sapevi de razze eliminate!
          Quale telegiornale lo diceva,
          ch'er crociato ch'annava in terrasanta
          indo' passava se riconosceva?
          Se trucidava già nell'anno ottanta!
          L'omo, caro Peppe, è un gran casino:
          da quanno è comparso su' la tera,
          ha cominciato prima co' Caino;
          poi s'è organizzato pe' la guera!
          Ma ha pagato sempre er piccinino,
          senza pensione e co' la galera!
          Pierluigi Camilli
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di