Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: coccinella

Freddo di primavera

Or scse il gelo
a rapir la primavera
sui monti in fiore
e l'area in spine
ferì l'incanto
d'accesi albe e tramonti
di nuovi allori
attesi amori.
Tradì il pensiero errante
in scoscesi assolati
e verdi pendii,
pescò l'intenso diaccio d'inverno
in meritato oblio.
Ma or
seppur riaffiora
non sarà
tuttavia
questa a lungo del gelo
sua dimora.
Vota la poesia: Commenta