Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Patrizia Cona

Studente e lavoratrice, nato domenica 14 ottobre 1984 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Patrizia Cona

In te

In te
il dimenarsi di ogni istante
anche il più lento,
che scalpita come un cuore brado
sulla piana del tempo...
e noi siamo distanti
eppur vicini,
nei minuti che fuggono
alla gabbia di un giorno.

In te
il respiro di uno sguardo,
che accende gli occhi affamati
di tutto ciò
che possono vedere
ora, che sono ad un passo
dal confondersi coi miei...

... ed io mi sazio del tuo odore.

In te
il mio vivere esasperato
che rincorre le sfumature
di un amore sempre da inventare,
ma che scopre in se
l'attesa d'esser vissuto.

Ed in te
appoggio il mio bisogno di viverti
dalla pelle alle ossa,
e far mio
ogni angolo
che ti appartiene.

Non tutti i sogni
si addormentano all'alba
e nel primo sorgere di sole,
mi accorgo
di quanto sia meraviglioso
appoggiare il mio respiro
sul tuo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Patrizia Cona

    G.

    Ho ancora il tuo profumo tra i capelli,
    e lo sento senza volerlo mentre mi rigiro sul cuscino.
    così forte da non farmi addormentare
    come dovrei....

    Sulla pelle si increspano ancora i brividi
    di quei schizzi di eterno che ci hanno
    consumato il corpo,
    così ribelli da non farmi addormentare
    come vorrei...

    Ho ancora i tuoi baci sulle labbra
    dove le dita tratteggiano un sapore,
    che sa di essere il tuo...
    Così deciso da farmi tornare fame
    e dimentico quel sonno
    che stavo aspettando.

    Ti rubo qualcosa con gli occhi... sempre.
    Come si fa con il tempo che non possiedi
    ma trascorre.
    Ed anche se non lo sapessi, posso dire di averti.

    Perché è ciò che non ti dico
    che vorrei ascoltassi.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Patrizia Cona

      Rimmel sciolto

      In questa notte ancora giovane
      che si bagna in fretta,
      sotto lo scrosciare irruento
      di infinite gocce d'acqua arrabbiate.
      Schizzi di pioggia
      rigano il vetro delle bugie,
      come i graffi rimasti sul cuore.

      E tu come stai?...
      Oggi senza il pensiero di ieri,
      lontano da quelle emozioni
      che fuggono alle catene di paura
      che non sanno tacere,
      ma non possono parlare.
      Lenta si assottiglia
      e diventa un tintinnio impalpabile
      questa pioggia notturna.

      E tu cosa fai?...
      In questa stanza di rimpianti
      che ci chiedono perdono,
      ti siedi li nell'angolo e se aspetti
      dimentichi.

      Ed io dove sono...
      come sto...
      cosa faccio...
      mentre il cielo si confida,
      dentro un singhiozzo altisonante
      che quando cade addosso
      scioglie il rimmel....

      Così distrattamente inciampo
      sull'assenza che hai lasciato.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Patrizia Cona

        I miei pensieri profumano di te

        Mentre guardo un'altra notte accendersi
        ascolto i sussurri del cuore
        che mi parlano di nuove sensazioni,
        e le emozioni prendono forma nelle sfumature di un arcobaleno
        cosicché il mio cielo si colora del tuo pensiero...

        Il profumo che hai e che mi lasci addosso
        è l'unica prova schiacciante per me...
        che sono colpevole di volerti vivere.
        E così capita che attraverso il tuo odore
        ripercorro i tratti del tuo corpo
        e le mie dita come abili pennelli
        ridisegnano la tua immagine.

        Mi vestirò di tempo
        e seduta su di una stella aspetterò la prossima notte
        che complice dei nostri desideri
        tornerà ad unirci e farci ritrovare...
        ... mentre l'alba di un nuovo giorno,
        ci scoprirà ancora caldi
        l'uno dell'altra.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Patrizia Cona

          Emozioni sospese

          Ma quante lacrime restano ancora da versare?
          Quante ancora chiuse negli occhi...
          copiose come una pioggia invernale,
          bruciano le calde gote dove l'ombra di un sorriso
          si scorge appena.

          S'adagia così un fuoco oramai consumato
          e sotto una pelle di bianca cenere,
          rimangono i bagliori della brace ardente.

          Labbra roventi asciugano quell'umido dal sapore
          di sempre.
          Composta sabato 25 aprile 2009
          Vota la poesia: Commenta