Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Paolo Tacconi

Facchino, nato domenica 20 agosto 1972 a Bologna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Tap72

Il villano di paese

C'era una volta in un paese lontano,
un tipo assai villano.
A tutti urlava,
con nessun eccezione faceva.

Un giorno però
qualche cosa cambiò.
Arrivò da un paese vicino,
un piccolo omino, con sotto a un braccio un cuscino.

Appena arrivato in paese,
il villano lo coprì di offese.
Fu allora che l'omino
gettò a terra il suo cuscino
e senza parola conferire si mise a dormire.

Il villano s'infuriò
e lo offese per un bel po'.
Non riuscendolo a svegliare,
capì che era inutile continuare.

Da quel giorno tutta la gente del paesino,
si portò appresso un cuscino.
Chiunque il villano incontrava
lo gettava a terra e si addormentava.

Non trovando più alcun divertimento
passò poco tempo
che il villano si dovette arrendere
e smettere di offendere.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Tap72

    La rosa gialla che volle diventar rossa

    C'era una volta in un negozio di fiori
    una rosa non contenta dei propri colori.
    Era gialla splendente con sfumature arancioni
    ma lei per niente voleva sentire ragioni.
    Cambiar colore era sua intenzione
    diventar rossa, rosso passione.

    Un giorno per caso su una mensoletta
    venne appoggiata una bomboletta.
    Rossa era e la rosa, la palla al balzo colse
    verso la bomboletta la testina volse
    poi con un tono a supplicare
    alla bomboletta chiese se per favore
    di rosso la poteva verniciare.

    La bomboletta acconsentì
    e di rosso i suoi petali in un secondo coprì.
    Adesso la rosa era felice
    non le restava che attendere la venditrice.
    Pochi minuti ed essa arrivò
    e subito la rosa notò.
    Dal suo vaso la tirò fuori
    perché lei odiava mischiare i colori.

    La mise nel vaso delle rose rosse
    poiché non sapeva che gialla lei fosse.
    In quell'istante entrò un ragazzo
    che di rose rosse ne chiese un mazzo
    Così accadde che
    la rosa divenne parte di un bouquet
    Lui alla sua ex ragazza lo voleva regalare
    per potersi riconciliare.

    Avvenne però
    che la ragazza i fiori rifiutò.
    Il ragazzo con il cuore rotto in petto
    con rabbia gettò i fiori in un cassonetto.
    Mentre la rosa sul fondo precipitava
    un ragazzo nel negozio di fiori entrava.
    Chiese una rosa gialla da regalare
    per un'occasione particolare.

    La venditrice gli rispose a malincuore
    che non aveva più rose di quel colore.
    Composta martedì 22 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Tap72

      Il boscaiolo avido

      C'era una volta tanto tempo fa
      un uomo di mezza età.
      Per mettere da parte tanti denari,
      faceva un sacco di straordinari.

      Come lavoro il boscaiolo faceva,
      tutti i giorni a colpi di ascia ogni tronco prendeva.
      Di fatica si ammazzava
      ma la paga mai gli bastava.

      Così giorno dopo giorno
      a forza di buttarli giù,
      si accorse che nel mondo,
      alberi non ce n'eran più.

      Tanto era smanioso di guadagnare
      che restò senza di che mangiare.
      Poiché gli alberi li aveva abbattuti tutti,
      non poteva raccoglierne i frutti.

      Causa il suo disboscare
      gli animali non ebbero più che mangiare.
      Una dopo l'altra ogni specie si estinse
      flora e fauna sempre più si restrinse.

      Ora non v'era più nessun animale
      nessun fiore e nessun vegetale
      Solo un avido boscaiolo
      che avrebbe ceduto ogni cosa per un sol cetriolo.
      Composta venerdì 2 maggio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Tap72

        L'ispirazione

        Tu che vai cercando
        in ogni dove e in ogni quando
        quel qualche cosa
        come lo sbocciare di una rosa.

        Quel sentimento che un tempo
        avevi dentro
        e che senza presunzione
        ascoltavi con attenzione

        Non ti accorgi che c'è ancora?
        Lei non ti ha mai abbandonata.
        È rimasta dove allora
        tu stessa l'hai lasciata.

        Basta solo farla uscire
        per non farla mai morire.
        Liberarla dalle catene
        della mente che la trattiene.

        Da quel poco di pigrizia
        che certo non ti aiuta
        e anche se qualche volta ti letizia
        pian piano la tua vita muta.

        E così ti addormenti
        fin che quel fuoco bruciar più non senti.
        Ma nessuno la può ignorare
        ed alla tua porta tornerà a bussare.

        Allora non avrai altra soluzione
        che accogliere l'ispirazione
        e cominciare a fare.
        Composta sabato 11 maggio 2013
        Vota la poesia: Commenta