Scritta da: Pensieri Ricorrenti
Ti cerco nella scia
di un profumo,
nel fruscio di un vestito,
nella scossa di una mano
che sfiora la mia,
negli occhi curiosi
che incrocio per strada,
nei lunghi capelli
che muovono l'aria,
nelle voci che entrano
nella mia mente,
in ciò che trovo divertente
in tutto ciò che sia intelligente
ma anche in questa notte
che trascorrerò così silenziosamente...
Ti cerco in ciò che vivi
in quello che nascondi
in quello che vorresti...
Ti cerco perché sognare
fa rima anche con realizzare,
perché aspettare
vuol dire anche desiderare,
perché amare
vuol dire anche costruire...
Ed io ti cerco come si cercano
le cose preziose,
stringendole poi tra le mani
per poterle ammirare
e non permettere a niente
e nessuno
di potertele rubare...
Paolo Randon
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pensieri Ricorrenti
    Se potessi stringerti
    come il buio cinge la notte,
    far volare le mie fantasie
    come falene attorno ai lampioni,
    accarezzarti l'anima
    come un gatto
    che si struscia tra le gambe,
    riscaldarTi il cuore
    come il sole fa scottare
    le pietre sulla riva di un fiume,
    mentre l'acqua scorre
    come le mie emozioni...
    forse solo allora la mia notte
    s'illuminerebbe più del giorno,
    e mi sentirei meno solo
    come se avessi il mondo
    intorno.
    Paolo Randon
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pensieri Ricorrenti
      Notte di note,
      di parole sussurrate,
      di carezze vellutate,
      di sorrisi sui nostri visi,
      di desideri condivisi.
      Notte allungata
      fino a diventare
      una nuova giornata,
      notte scivolata
      come una mano
      sulla tua pelle levigata.
      Mani che non si lasciano
      i tuoi occhi
      che mi affascinano,
      sonni perduti
      sogni vissuti...
      Paolo Randon
      Composta giovedì 10 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pensieri Ricorrenti
        Ho visto un Sogno,
        era lì davanti a me
        col suo splendore
        le sue promesse
        e io pregavo perché
        le mantenesse.
        Ma quando mi avvicinavo
        lui si allontanava,
        ad ogni passo lui mi distanziava.
        L'ho rincorso,
        l'ho inseguito
        sembrava non fosse servito,
        ma poi quando la delusione
        stava arrivando,
        quando ogni speranza stava crollando,
        l'ho visto che mi veniva incontro
        e che mi stava abbracciando...
        i sogni sono così,
        a volte si realizzano,
        ma come per i raggi di sole
        bisogna inseguirli
        finché c'è luce,
        perché alla notte
        si trasformano,
        e al primo risveglio
        poi più non tornano.
        Paolo Randon
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di