Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Unplogged

Che tristezza

Che tristezza.
Svendere la propria anima
per pochi momenti di gloria.
Puntare gli ultimi spiccioli
su un cavallo con poche speranze.

Che tristezza.
Voltarsi indietro e rendersi conto
che il tempo è trascorso inutilmente,
che hai imparato ma non abbastanza,
che hai capito ma non abbastanza.

Che tristezza.
Aver barattato il proprio tempo,
i sogni, la speranza, la spensieratezza d'un tempo,
per un pezzo di cielo oscurato,
per un campo di grano trebbiato.

Che tristezza.
Non aver lottato, non essersi indignato,
non aver gettato la spugna,
non aver guardato avanti,
non essersi fermati un momento a pensare.

Che tristezza.
Guardarsi allo specchio
e rendersi conto che il tempo è passato,
con le stagioni a perdifiato.
Ed accorgersi di non aver vissuto abbastanza.
Composta martedì 16 marzo 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Unplogged

    A deep intense moment

    Memory is brittle,
    Life's walk is too brief.
    I saw your eyes,
    damped sliding away
    disappearing in the thick fog.

    As a river in flood,
    in a winter's morning.
    A missed promise,
    the fresh dew.

    Flyes the mind,
    the heart doesn't hear
    Stealed kisses for a while
    wasted in the wind,

    of a freezing night
    which advance
    undaunted and proud
    Queen of the night.

    Of a deep intense moment,
    i abandone myself.
    Then i close my eyes
    and you are forever mine.

    La memoria è fragile,
    Il percorso della vita è troppo breve.
    Ho visto i tuoi occhi,
    umidi scivolare via
    sparire nella fitta nebbia.

    Come un fiume in piena,
    in un mattino d'inverno.
    Una promessa mancata,
    la fresca rugiada.

    Vola la mente,
    il cuore non sente.
    Baci rubati a stento
    e dispersi nel vento,

    gelido della notte che avanza
    imperterrita e fiera,
    Regina di sera
    di un attimo intenso,

    mi abbandono e ti penso.
    Poi chiudo gli occhi
    e sei per sempre mia.
    Composta lunedì 1 febbraio 2010
    Vota la poesia: Commenta