Scritta da: romaevictor

Ci vulissi puisia - ci vorrebbe poesia

Ci vulissi puisia

Ci vulissi puisia ppi cuntari lu me amuri
Versi, paroli e rimi ppi fáriti sentiri lu me cori

Cé pocu i chi pinzari li frasi mi nesciunu a bedducori
Spinciunu li me mani a scriviri e a sugnari

Patíu li peni di lu nfernu ppi jessiri duci
Ma tu non ti nnincarichi mancu un piddicchiu
Di stu amuri senza vuci

Lássimi scriviri cu la pinna li to billizzi e li to tisori,
lássimi jittari sangu senza aviri a malappena di un vasu lu piaciri

ci vulissi puisia ppi cuntari tuttu lu me arduri
suspiri, ansimi e pugna nte muri

ci vulissi puisia ppi fáriti accorgiri cca si l'unica da vita mia
l'unicu amuri cantatu a puisia

ora puru di notti sutta na luna sintennu lu cantu di l'ariddi
ti cantu puisia e aspettu cca sutta stu cielu chinu di stiddi.


Ci vorrebbe poesia

Ci vorrebbe poesia per raccontare il mio amore
Versi parole e rime per farti sentire il mio cuore

Cé poco a che pensare le frasi mi escono dal belcuore
Spingono le mie mani a scrivere e a sognare

Patisco le pene dell'inferno per essere dolce
Ma tu non ti interessi nemmeno un pó di questo amore senza voce

Lasciami scrivere con la penna le tue bellezze e i tuoi tesori
Lasciami buttare sangue senza avere a malappena di un bacio il piacere

Ci vorrebbe poesia per raccontare tutto il mio ardore
Sospiri, ansimi e pugni nei muri

Ci volesse poesia per farti accorgere che sei l'unica della vita mia
L'unico amore cantato a poesia

Ora pure di notte sotto una luna sentendo il canto dei grilli
Ti canto poesia e aspetto qua sotto questo cielo di stelle.
Paolo Ferrigno
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: romaevictor
    Haju bbisognu ddi 'tia.

    Haju bbisognu ddi 'tia ogni mumentu,
    ogni áttimu di la vita mia

    haju bbisognu di li tó labbra quannu haju siti di bbaci e fami di desidderiu

    haju bbisognu 'ca mi vaddi 'ccu 'sti ucchiuni dúci 'cca mi cunfúnnunu la menti

    haju bbisognu ddi la tó vúci graziúsa comu sfarfallíu di falena* 'ntá 'na notti d'istati

    haju bbisognu ddi ttía... fimmina vulittúsa... china di petri priziusi e cummigghiata d'oru

    haju bbisognu ddi ttia amuri miu, ora cá mi lassásti sulu 'nnmenzu a 'stu mari...

    dispirátu e cunnannátu ad aviri sémpri bisognu ddi ttia.


    Ho bisogno di te

    Ho bisogno di te... ogni momento... ogni attimo della mia vita

    ho bisogno delle tue labbra quando ho sete di baci e fame di desiderio

    ho bisogno che mi guardi con quegl'occhioni dolci che mi confondono la mente

    ho bisogno della tua voce... graziosa come sfarfallío di falena * in una notte d'estate

    ho bisogno di te... donna voluttuosa... piena di pietre preziose e coperta d'oro

    ho bisogno di te amore mio, adesso che mi lasci in questo mare,
    disperato e condannato ad avere sempre bisogno di te.
    Paolo Ferrigno
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: romaevictor
      lu jornu ti penzu e la sira ti disíu...

      comu spica di ranu st'amuri criscíu...

      mi fazzu la bucca duci... pinzannu a li tó labbra russi di muredda...
      e accussí mi 'nmbriacu jittatu sutta sta vinedda...

      amuri ranni di lu me cori... accussí nun pozzu campari...
      dimmi na sula parola... chi intra lu focu mi vaju a jittari...

      splenni la luna supra lu mari chiattu di sciroccu...
      li ariddi cantunu 'na sirinata 'ppi ttia... e mi fannu cumpagnia
      mentri talíu la tó finestra sirrata...

      ah!... si putissi essiri un pittirru... vuliría intra lu tó cori...
      e pizzuliannu... pizzuliannu... ti fáría 'nnammurari...

      lu jornu ti penzu e la sira ti disíu... mi fineru li paroli... amuri miu
      vaddannu li stiddi... abbrisci 'nautru jornu... e mi rassegnu...

      a st'amuri senza rispunnu.



      Il giorno ti penso la sera ti desidero

      di giorno ti penso... la sera ti desidero...
      come spiga di grano questo amore cresse...

      mi faccio la bocca dolce alle tue labbra rosse di mora
      e cosi mi ubriaco in questo vicolo

      amore grande del mio cuore... cosí non posso vivere
      dimmi una sola parola che mi butto nelle fiamme

      splende la luna sopra il mare piatto di scirocco
      i grilli cantano una serenata per te e mi fanno
      compagnia mentre guardo la tua finestra chiusa

      ah! se potessi essere un pettirosso volerei dentro il
      tuo cuore... e picchiettando, picchiettando... ti farei innamorare

      il giorno ti penso... e la notte ti desidero... mi sono finite le parole
      amore mio... guardando le stelle albeggia un altro giorno

      e mi rassegno a questo amore senza riscontro...
      Paolo Ferrigno
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di