Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: lillalalli

Ascoltami

Or giunge al cor tuo
e più forte or si sente,
quel che io vorrei dirti col pensier mio...
con la mi amente.
Mescer vorrei... i nostri pensieri,
cangiare in nostra vita
i desideri.
Ascoltai un dì la tua storia
Di triste magia... clamor... vittoria.
Soffermati e mèco cammina nel desio
Ove or ti guido io.
Perché mi chiami?
Taci!
E nel profondo silenzio... ascoltami.
Composta martedì 15 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: lillalalli

    Al Vento

    Al tardo bruno
    un ode al vento,
    al me nessuno...
    al me momento!
    Costì fugace lo pensiero
    va sciacquando al dì straniero.
    Di via sentiero ambrato...
    già sogna, incontanente
    un sogno mai sognato.
    Sussurro al fato
    il mio gran destino
    il me che ha sempre amato,
    german com'è bambino.
    Bramosa l'anima perduta,
    che ridonda,
    oprando ad opre muta.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: lillalalli

      L'anima

      Quanto ti amo!
      E tanto credo in me, che non mi do alcun prezzo e,
      alcuna stima a me posso appropriare,
      perché io credo di migliorare di giorno in giorno.
      E l'ardore sento che in cor mio s'accresce,
      io sono il vulcano, sono la lava... sono il magma incandescente,
      insorgo a lapilli
      e straripo come mare che infuocato
      si avvale della propria irremovibile compattezza.
      E la mole che mi è a collo tengo,
      mi inarco, m'allungo, combatto ciò che è dolore...
      o fo modo che il mio volere,
      fia che il male... m'appaia come il bene.
      E mi dilanio per sentir se vivo...
      se io sono umano;
      nulla m'abbatte e nulla m'è fatale.
      Mi ergo come il monte che sovrasta la terra
      e carezza il cielo
      e guardo ove l'orizzonte mi illumina la strada
      per seguire gli argini del mondo.
      Sono il ciclope della natura
      forte... impetuoso;
      son l'aligiero amore,
      sono tutto intenso come potenza... e tenerezza.
      E su fili sonori d'un'arpa io danzo... io parlo... io vivo

      (ora, io conosco me...)
      Composta mercoledì 16 dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta