Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Paola Bonistalli

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Paola38

La tua strada

Pensi sia brutta davvero, la strada che percorri ogni giorno
Puzza di cavolo a mezzo di
I panni distesi che gocciolano giù
Le pozzanghere che scansare bisogna
Ma un giorno arriva l'amore
Lo vedi arrivare, li corri incontro
I panni distesi, vedono quello che gli altri non vedono
Le pozzanghere e vero son tante
ma vorresti che fossero di più
per potere col tuo amore giocarci di più.
Composta giovedì 29 marzo 1962
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Paola38

    Insonnia

    Che barba, che noia.
    La notte e profonda e dormire non mi tocca
    Pensieri pensieri.
    Mai in ne su ora del giorno son tanti,
    La barba si allunga. la noia mi culla,
    il cielo domani come sarà, scuro o sereno?
    Io l'alba l'aspetto"
    La barba si accorcia, la noia si annulla,
    Aspetto, aspetto
    In sogno già vedo spuntare il sole nel cielo sereno.
    Composta mercoledì 5 settembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Paola38

      Pioggia

      Una stradina stretta, un cielo con nuvole nere
      in lontananza una grondaia, vicino una piccola luce che malamente
      illumina la stradina, la figura scura del campanile si allunga
      nel cielo senza stelle.
      Tanta pace intorno, un brivido di freddo e notte fonda, una voce
      in lontananza, il battito della pioggia mi a compagnia per un sereno riposo.
      Composta lunedì 31 dicembre 1956
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Paola38

        Nenia nell'ospizio

        Son vecchio, son vecchio
        son brutto e ricurvo.
        Bambino io fui.
        Son vecchio, son vecchio
        son brutto e ricurvo
        Fui giovane e forte.
        Son vecchio, son vecchio
        Fui sposo e amante.
        Son vecchio. son vecchio
        son brutto e ricurvo.
        Fui padre con gioia.
        Son vecchio, son vecchio
        son brutto e ricurvo.
        Con speranza fui nonno
        Son vecchio, son vecchio
        son brutto e ricurvo.
        Son solo, son solo
        son solo son solo.
        Vota la poesia: Commenta