Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Pablo Neruda

Poeta, diplomatico e politico, nato martedì 12 luglio 1904 a Parral (Cile), morto domenica 23 settembre 1973 a Santiago del Cile (Cile)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Ricordo com'eri l'autunno scorso.
Eri il basco grigio e il cuore quieto.
Nei tuoi occhi lottavano i bagliori del crepuscolo.
E le foglie cadevano sull'acqua della tua anima.

Aggrappata alle mie braccia come un rampicante,
le foglie raccoglievano la tua voce lenta e calma.
Falò di stupore in cui la mia sete bruciava.
Dolce giacinto azzurro curvato sulla mia anima.

Sento vagare il tuo sguardo e l'autunno è lontano:
basco grigio, voce d'uccello e cuore famigliare
dove migravano i miei desideri profondi
e cadevano i miei baci allegri come braci.

Cielo dalla nave. Campo dai colli.
Il tuo ricordo è di luce, di fumo e di stagno quieto!
Oltre i tuoi occhi ardevano i tramonti.
Foglie secche d'autunno giravano nella tua anima.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Nuda sei semplice

    Nuda sei semplice come una delle tue mani,
    liscia, terrestre, minima, rotonda, trasparente,
    hai linee di luna, sentieri di mela,
    nuda sei delicata come il grano nudo.

    Nuda sei azzurra come la notte a cuba,
    hai rampicanti e stelle nei tuoi capelli,
    nuda sei enorme e gialla
    come l'estate in una chiesa d'oro.

    Nuda sei piccola come una delle tue unghie,
    curva, sottile, rosea finché nasce il giorno
    e t'addentri nel sotterraneo del mondo.

    Come in una lunga galleria di vestiti e di lavori:
    la tua chiarezza si spegne, si veste, si sfoglia
    e di nuovo torna a essere una mano nuda.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luciella Karenina

      TIMIDEZZA

      Appena seppi, solamente, che esistevo
      e che avrei potuto essere, continuare,
      ebbi paura di ciò, della vita,
      desiderai che non mi vedessero,
      che non si conoscesse la mia esistenza.
      Divenni magro, pallido, assente,
      non volli parlare perché non potessero
      riconoscere la mia voce, non volli vedere
      perché non mi vedessero,
      camminando, mi strinsi contro il muro
      come un'ombra che scivoli via.
      Mi sarei vestito
      di tegole rosse, di fumo,
      per restare lì, ma invisibile,
      essere presente in tutto, ma lungi,
      conservare la mia identità oscura,
      legata al ritmo della primavera.
      Composta mercoledì 12 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rea

        Ode al giorno felice

        Questa volta lasciate che sia felice,
        non è successo nulla a nessuno,
        non sono da nessuna parte,
        succede solo che sono felice
        fino all'ultimo profondo angolino del cuore.

        Camminando, dormendo o scrivendo,
        che posso farci, sono felice.
        sono più sterminato dell'erba nelle praterie,
        sento la pelle come un albero raggrinzito,
        e l'acqua sotto, gli uccelli in cima,
        il mare come un anello intorno alla mia vita,
        fatta di pane e pietra la terra
        l'aria canta come una chitarra.

        Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
        tu canti e sei canto,
        Il mondo è oggi la mia anima
        canto e sabbia, il mondo oggi è la tua bocca,
        lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
        essere felice,
        essere felice perché si,
        perché respiro e perché respiri,
        essere felice perché tocco il tuo ginocchio
        ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
        e la sua freschezza.
        Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
        con o senza tutti, essere felice con l'erba
        e la sabbia essere felice con l'aria e la terra,
        essere felice con te, con la tua bocca,
        essere felice.
        Composta lunedì 6 settembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisa Iacobellis

          Abbiamo perso

          Abbiamo perso anche questo crepuscolo.
          Nessuno ci ha visto stasera mano nella mano
          mentre la notte azzurra cadeva sul mondo.
          Ho visto dalla mia finestra
          la festa del tramonto sui monti lontani.
          A volte, come una moneta
          mi si accendeva un pezzo di sole tra le mani.
          Io ti ricordavo con l'anima oppressa
          da quella tristezza che tu mi conosci.
          Dove eri allora?
          Tra quali genti?
          Dicendo quali parole?
          Perché mi investirà tutto l'amore di colpo
          quando mi sento triste e ti sento lontana?
          È caduto il libro che sempre si prende al crepuscolo
          e come cane ferito il mantello mi si è accucciato tra i piedi.
          Sempre, sempre ti allontani la sera
          e vai dove il crepuscolo corre cancellando statue.
          Vota la poesia: Commenta