Questo sito contribuisce alla audience di

Si chiama coraggio
fare una scelta che si sa essere deleteria per se stessi
ci vuole coraggio a mettere una mano sopra una fiamma ardente
si sa che se ne soffrirà come bestie, io lo so
perché soffrivo dentro di me, ma cercavo di stringere i denti, nonostante avessi ogni frammento di cuore contro me stesso come schegge di vetro infilzate nella pelle
meno che un frammento di cuore, uno soltanto, quello per cui ho deciso di soffrire in silenzio per un anno intero, ho scelto di soffrire per una speranza.
È la speranza il motore degli essere umani, la vita è la benzina, la vita e la speranza sono complementari, l'una senza l'altra il motore non si avvierebbe la speranza è il sentimento umano più potente di qualsiasi altra creazione divina, dona una forza capace di resistere a qualsiasi dolore.
Quale era la mia speranza?
Vota la poesia: Commenta

    Cosa è l'amore per me

    L'amore è quando non conosci limiti
    l'amore è quando non hai barriere

    l'amore è quando l'universo
    è troppo piccolo per la tua anima

    e desideri ardentemente
    allargare i tuoi spazi

    l'amore è non vedere orizzonti
    l'amore è come il mare

    può essere calmo o tempestoso
    ma il suo orizzonte è infinito

    tanto che solo un raggio di luce ci scalda
    il cuore, tale è l'amore

    una speranza che ci fa da faro
    l'amore è volontà

    è decidere di prendere quel
    buio immenso del proprio cuore

    e dire "vieni con me, sarà un cammino
    lungo, difficile pieno di insidie e
    anche doloroso.
    ma è senza fine"

    l'amore è intraprendere quella strada
    mano nella mano

    perché arrivare ad una fine
    vuol dire trovare un muro invalicabile

    fermarsi e smettere di camminare
    chi è senza amore non cammina

    e resta lì, inutile come un fiore
    che non sboccerà mai

    che nessuno potrà ammirare
    perché se amore è

    è qualcosa che ti fa sbocciare
    in un bellissimo fiore

    per imboccare l'infinita strada della felicità...
    ... insieme.
    Composta martedì 8 luglio 2014
    Vota la poesia: Commenta

      Sapore

      Qui oggi lascio ogni speranza
      sono stato la prima esperienza

      sicuramente un gran sentimento
      ma di amore non si è mai trattato

      sette anni ci son voluti
      per capire che si era incatenati

      ad un mondo ormai distante
      che dell'oggi non ha più niente

      resta un vuoto da riempire
      con amore vero bisogna colmare

      mi serve un gran pieno
      dieci litri non bastano

      sennò il mio motore non parte più
      ed i giri restano giù

      chissà se ce la farò
      il mio pensiero è "dove lo troverò"

      un distributore di amore puro
      così che possa essere sicuro

      di avere sufficiente autonomia
      per imboccare la via

      della mia vita

      perché la fine la vedo lontana
      e la voglia è diventata vana

      mi manca già quel sapore
      del mio amore.
      Composta lunedì 7 luglio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Vorrei, vorrei
        essere lì con te, ad ammirar
        ogni tua singola gesta, più di quanto voglia essere qui con me stesso
        vorrei, vorrei
        respirarti, vederti, appoggiarti
        vivere insieme a te una fetta della tua vita
        vorrei, vorrei
        partecipare, ricordare, sentire
        una giornata della tua vita su di me
        sulla mia pelle, essere lì con te
        per te
        per farti e sentirmi presente
        un punto fermo
        come una roccia che di lì non si sposta
        resiste all'acqua, alle raffiche all'erosione
        per te
        per me
        invece non posso, non riesco
        non vivo
        non c'è un perché, non lo capisco
        sono troppo duro, non riesco a battermi, sconfiggermi
        o forse debole
        per sconfiggere me stesso
        una lotta che mi toglie speranze
        e rattrista la mia felicità
        che spunta come fiori nei prati
        in ogni momento che provo quel senso di serenità
        con te
        che mi fa dimenticare il mare mosso
        e fa tornare in me quella pace
        che si prova in cima alla montagna innevata
        un silenzio tombale, quasi surreale
        dove si sente solo il battito dentro di se
        la lamina scivola sopra la neve
        mi sembra di volare in quei attimi
        lì con te al mio fianco
        ma il volo dura poco, il carburante finisce
        si deve tornare a terra
        fare il pieno per il prossimo volo
        la mia unica cura
        il tempo, non esserne gelosa
        la pazienza è solo un amica.
        Composta martedì 8 luglio 2014
        Vota la poesia: Commenta