Poesie di Osvaldo Todesca

Restauratore
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Spiagge

Ricordi lontani, di un ieri che era fatto solo di allegria
le serate tra di noi, i giochi, i sorrisi, i tuoi occhi, le tue labbra.
Ricordi di un giorno di mare passato con te.
Spiagge, tramonti di sole lontani adesso
occhi che guardano ma non riescono a vedere
siamo paralleli dicevi sempre tu.
Anima, mi tormentavo io ascoltando quella frase
giochi di sguardi, quando non ti conoscevo
era bello allora, ti potevo immaginare
donna lavorante e madre dignitosa, questo pensavo io.
Ti amo, scusami non so quel che dico
neanch'io ripetevi tu.
Spiagge... di sole di mare e di noia, Maria ci sei domani? Non so, non pensarmi per domani vivimi adesso.
Spiagge... serate passate da solo, in compagnia della saudagi che tu mi dai.
Ti amo Maria, portami al mare con Ilaria, voglio stare da solo con voi, vi voglio respirare guardarvi di nascosto anche da questo cielo, ci starò attento non mi farò scoprire, Maria? Dimmi; ma che cos'è l'amore? Imparare a non dire mai no.
Spiagge... di un bacio lasciato in sospeso nel tempo, come le parole di un cantore che aspetta solo di poterle catturare e trasformarle in musica.
Spiagge...
di un altro giorno vissuto senza vedere i tuoi occhi.
Osvaldo Todesca
Composta martedì 20 ottobre 2009
Vota la poesia: Commenta

    Rose per te

    Rose per te
    per chi ho di più a cuore
    per chi è di più per me
    di più di una promessa
    di più di un desiderio
    di più di un'altra cosa
    di te, che non sei banale
    non sei un'occasione
    non sei una comparsa
    ma sei protagonista
    nel cuore e nella vita
    nel giorno e nella notte
    sei solo desiderio
    di chi nel cuore ti ha davvero
    e non può mandarti via
    di chi ti vuole bene
    e te lo dice a modo suo
    perché lui non ha parole
    ma a modo suo
    si vuole far sentire
    ti sente nella vita
    ti sente nell'amore
    e in queste poche rose
    ti manda anche il suo cuore.
    Osvaldo Todesca
    Composta domenica 27 settembre 2009
    Vota la poesia: Commenta

      Mi manchi

      Mi manchi, ho voglia di te, di vederti di respirarti.
      Mi manchi e siccome non ci sei posso solamente immaginarti qua, adesso al mio fianco.
      Mi mancano quegli occhi che anche se non avevano parole mi raccontavano di te.
      Mi manca il tuo profumo, guardarti camminare mentre rincorri tua figlia che sta scappando via per andare a giocare a palle di neve.
      Mi manchi, ma tranquilla lo posso sopportare, lo devo sopportare.
      Siamo come due paralleli mi dicevi sempre tu, sì ma i paralleli non si incontrano mai, pensavo di nascosto io.
      Osvaldo Todesca
      Composta domenica 27 settembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di