Scritta da: piumarossa70

Non voglio sapere

Non voglio sapere quel che fai per sopravvivere.

Voglio sapere per che cosa soffri,
e se sai almeno sognare di accettare la passione del tuo cuore.

Non voglio sapere le pene dei tuoi anni.

Voglio sapere se sai rischiare di sembrare matta per amore,
per i tuoi sogni, per l'avventura di essere viva...

Non voglio sapere quali pianeti sono in quadratura con la tua luna.

Voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dolore,
se sei stata aperta ai tradimenti della vita
o se ti sei ritirata e chiusa per paura di ulteriore dolore.
Voglio sapere se puoi star seduta con il dolore, il mio o il tuo,
senza far niente per nasconderlo, o mascherarlo o immobilizzarlo.
Voglio sapere se puoi stare con la gioia, la mia o la tua;
se puoi danzare nascostamente nel silenzio
e lasciare che l'estasi ti riempia fino alla punta delle dita
senza ammonirti di stare attenta,
di essere realista, o di ricordarti le limitazioni dell'umano.

Non voglio sapere se la storia che stai raccontando è vera.

Voglio sapere se puoi deludere gli altri per essere vera con te stessa,
se puoi sopportare l'accusa di tradimento e non tradire la tua anima.
Voglio sapere se puoi essere fedele alla tua fede silente,
se sai vedere la bellezza anche nell'orrore di ogni giorno,
e se sai nutrire la tua vita della Sua presenza.
Voglio sapere se puoi vivere con il fallimento, il tuo e il mio,
e ancora ergerti sulla riva di un lago e gridare all'argento della luna piena, "SÌ!"

Non voglio sapere dove o come o perché vivi.

Voglio sapere se puoi continuare a vivere dopo un giorno di pena e disperazione
addolorata e ferita fino alle ossa, e fare ciò che c'è da fare...

Non voglio sapere se sei felice o no, se lo sono o no.

Voglio sapere se sai stare al centro del fuoco insieme a me e non ti ritirerai.

Non voglio sapere dove o cosa o con chi hai vissuto e vivi.

Voglio sapere che cosa ti sostiene quando tutto il resto cade giù.
Voglio sapere se puoi stare sola con te stessa,
e se veramente ti piace la compagnia che ti dai nei momenti vuoti
di ogni presenza.

Non voglio sapere quel che fai per sopravvivere.

Voglio sapere per che cosa soffri,
e se sai almeno sognare di accettare la passione del tuo cuore.

Non voglio sapere le pene dei tuoi anni.

Voglio sapere se sai rischiare di sembrare matta per amore,
per i tuoi sogni, per l'avventura di essere viva...

Non voglio sapere quali pianeti sono in quadratura con la tua luna.

Voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dolore,
se sei stata aperta ai tradimenti della vita
o se ti sei ritirata e chiusa per paura di ulteriore dolore.
Voglio sapere se puoi star seduta con il dolore, il mio o il tuo,
senza far niente per nasconderlo, o mascherarlo o immobilizzarlo.
Voglio sapere se puoi stare con la gioia, la mia o la tua;
se puoi danzare nascostamente nel silenzio
e lasciare che l'estasi ti riempia fino alla punta delle dita
senza ammonirti di stare attenta,
di essere realista, o di ricordarti le limitazioni dell'umano.

Non voglio sapere se la storia che stai raccontando è vera.

Voglio sapere se puoi deludere gli altri per essere vera con te stessa,.
se puoi sopportare l'accusa di tradimento e non tradire la tua anima.
Voglio sapere se puoi essere fedele alla tua fede silente,
se sai vedere la bellezza anche nell'orrore di ogni giorno,
e se sai nutrire la tua vita della Sua presenza.
Voglio sapere se puoi vivere con il fallimento, il tuo e il mio,
e ancora ergerti sulla riva di un lago e gridare all'argento della luna piena, "SÌ!"
Orso Che Danza
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di