Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: ametista

Dichiarazione d'amore

Al mattino sei la prima immagine,
che io voglio vedere,
tu che mi accogli,
ed io che mi lascio andare.
Durante il giorno,
la mia voglia di te,
ogni tanto mi assale,
e non posso farci niente...
devo venirti a cercare.
Quanto ti odio,
quando arrivo.
E ti trovo
occupato con altre,
e mi lasci ad aspettare,
perché lo sai,
che non potrei andarmene...
senza averti visto.
Quanto invece ti amo,
quando sei libero,
tutto per me,
mi sembra di vedere il tuo sorriso...
ma forse è solo il mio,
che si riflette su dite.
Come sono felice,
quando chiusa la porta,
siamo finalmente soli...
io e te.
Solo con te posso essere,
finalmente me stessa.
Solo con te non provo,
imbarazzi o vergogne.
Solo con te riesco a dire,
le mie cose più profonde,
che scaturiscono dal mio essere,
che fuoriescono dalle mie viscere,
che sono quella cosa,
che tutti e tutte,
e il mondo intero,
sà che c'è...
ma non se ne parla,
perché non si può,
non è elegante,
non è fine,
non è roba che puoi mettere,
in piazza...
ma tu non sei così,
ascolti e accetti tutto di me,
anche quello che io rifiuto,
e che a volte,
non voglio neanche vedere.
Tu lo sai,
e lo allontani da me,
ed io non capisco perché...
tu così fedele,
tu così amico,
tu così vicino,
così intimo e comprensivo,
così presente in ogni vita,
vieni chiamato...
cesso.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ametista

    Il volo

    Sollevata dal vento,
    volo libera e felice,
    su dolori superati,
    su ansie già passate,
    su tormenti ora scordati,
    su amori dimenticati.
    Volo e vedo ormai lontano,
    chi in passato mi ha deluso,
    chi in passato mi ha tradito,
    chi in passato mi ha ferito,
    chi in passato mi ha piegato.
    Volo curiosa e divertita,
    su città sconosciute,
    su mari mai solcati,
    su pianure verdeggianti,
    su deserti infuocati.
    Volo impaziente e vogliosa,
    verso nuovi orizzonti,
    verso nuovi incontri,
    verso nuove possibilità
    verso nuove verità.
    Come un granello di sabbia,
    finalmente adesso volo,
    sospinta e accarezzata,
    nel cielo infinito,
    dal vento della vita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ametista

      Come un granello di sabbia

      Un granello di sabbia,
      piccolo e normale,
      visto da solo.
      Grande e importante,
      insieme agli altri,
      nella spiaggia soleggiata,
      nella spiaggia desolata,
      nella spiaggia attraversata,
      dalle bufere delle stagioni.
      Un uomo,
      piccolo e normale,
      visto da solo.
      Grande e importante,
      insieme agli altri,
      nell'esistenza soleggiata,
      nell'esistenza desolata,
      nell'esistenza attraversata,
      dalle bufere della vita.
      Tu uomo, da solo,
      sei come un granello di sabbia,
      nell'universo infinito.
      Tu uomo, insieme a noi,
      sei la spiaggia infinita
      di questo universo.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ametista

        Giorni sospesi

        Granelli di sabbia,
        i miei giorni sospesi,
        che non possono tornare
        che non posso cambiare,
        che vorrei dimenticare,
        dalle mie mani, scivolano.
        Granelli di sabbia,
        i miei giorni sospesi,
        fatti di momenti,
        che ho sprecato,
        di stagioni del cuore,
        in cui ho creduto,
        di possibilità,
        in cui ho sperato,
        nella clessidra del tempo, scivolano.
        Granelli di sabbia,
        i miei giorni sospesi,
        gli vedo passare,
        gli vedo cadere,
        gli vedo volare,
        loro i miei giorni sospesi,
        granelli di sabbia,
        persi nell'infinito deserto,
        di altri infiniti,
        giorni sospesi.
        Composta sabato 21 novembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ametista

          Ogni giorno

          Ogni giorno mi chiedo... perché...
          cercando una risposta,
          anche quando una risposta,
          non c'è.
          Ogni giorno mi dico... sarà...
          sapendo che niente in fondo,
          cambierà.
          Ogni giorno mi dico... se...
          cercando una via d'uscita,
          anche quando un uscita,
          non c'è.
          Ogni giorno mi dico... però...
          cercando un alternativa,
          anche quando un alternativa,
          non ho.
          Ogni giorno mi dico... forse...
          confidando in una speranza,
          anche quando una speranza,
          non ce l'ho.
          Ogni giorno mi dico... ma...
          cercando una giustificazione,
          anche quando una giustificazione,
          non ho.
          Ogni giorno mi dico... cambierà...
          anche se sò,
          che tutto resterà come prima.
          Ogni giorno mi chiedo,
          come mai
          devo rompermi i coglioni così,
          ogni giorno?...
          Composta mercoledì 16 settembre 2009
          Vota la poesia: Commenta