Scritta da: Widmer Valbonesi

L'abbandono

Riappari, irresistibile richiamo
di un'eco non lontana
E scrivo altre parole
che si sparpagliano nel vento
come foglie già appassite.
Non più farfalle che rapite
cercano il nettare nei fiori.
Inutili sillabe o canzoni
che mai potranno riportarmi
il tuo amore o quelle parole
languide che pronunciavi
nell'abbandono.
Oliviero Widmer Valbonesi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Widmer Valbonesi

    Sembra l'infinito

    Canti di germani reali
    e voli di alzavole che si
    stampano nel cielo rosa
    del tramonto autunnale.
    Odore di salsedine
    che giunge nella stanza
    e si amalgama ai sospiri
    dei corpi tesi nell'amore.

    Guizzi di piacere
    come sprazzi di luce
    che nascono dai brillanti
    li percorrono come brezza
    e come languida carezza
    in un crescendo piano piano,
    si fonde nel crogiolo quell'amore
    e…. sembra l'infinito.
    Oliviero Widmer Valbonesi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Widmer Valbonesi

      Cartella senza password

      Ho aperto una cartella nel mio cuore
      e l'ho siglata con la parola amore.
      Tutto; gioie, dolori, desideri, passioni
      ed emozioni, gelosie, litigi e delusioni,
      stimoli, rispetto, affetto ed ambizioni.
      Tutto ho depositato in quel ricordo
      tutto quanto lì io ho archiviato.
      Poi, ho battuto, chiudendo gli occhi,
      dieci volte la tastiera a caso,
      …. una password sconosciuta
      m'impedirà di riaprire la cartella.
      Chissà se quella parola chiave
      saturerà la mia ferita!
      Così profonda oggi, mi appare
      e solo il tempo piano piano
      dirà un giorno se è guarita.
      Oliviero Widmer Valbonesi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Widmer Valbonesi

        Merlo di speranza

        Cammino là in quel giardino
        in mezzo ad alberi ormai spogli
        su foglie secche ed appassite
        che scricchiolano ormai morte
        ed interfacciano il mio cuore.

        Ritorno in quel sentiero
        e lascio le mie orme
        sulla brina che il sole
        scioglierà e cancellerà
        come le parole d'amore
        scritte sulla sabbia
        dopo una mareggiata mattutina,
        lettere, al tramonto, insieme
        disegnate nella risacca
        e quel mio passaggio rimarrà
        come meteora nel cielo.

        Stamattina nel silenzio
        in mezzo al prato una viola
        e un ciclamino alzano la testa
        al riverbero dell'aurora.
        Un merlo esce dalla siepe
        d'incanto avverti che c'è la vita,
        la speranza rinasce in quella quiete.
        Oliviero Widmer Valbonesi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Widmer Valbonesi

          Amori

          Gli amori che sono appena nati
          Sono germogli del cuore,
          piantine verdi di speranza,
          che muovono passi di danza
          dentro la tua mente, la intrigano,
          poi, attraverso i sentimenti
          e il desiderio si irradiano lentamente
          e arrivano a tutti i tuoi sensi.
          Prendono vigore e approdano
          al centro del tuo cuore. Ma...

          Lì, incontrano amori ormai finiti,
          buchi neri dai contorni indefiniti
          che vi albergano e formano incroci
          di rimpianti e di ricordi, e veloci
          assalgono e divorano affamati
          ...gli amori che sono appena nati.
          Gli amori che sono ormai finiti
          devono finire... senza ormai
          o gli amori appena nati
          non attecchiranno mai...!
          Oliviero Widmer Valbonesi
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di