Scritta da: Widmer Valbonesi

Il ripasso dell'amore

Piccola alzavola che ti muovevi
fra i canneti del mio amore
ti lavavi, ti nascondevi
fra i cespugli, cercavi semi
e sentivi l'acqua dolce
ed ossigenata del mio cuore
e dentro vi sguazzavi felice.
Un giorno ti accorgesti
di un germano reale che
brontolando ti chiamava
col ricciolo della coda
si mostrava e ti corteggiava.
Quante sguazzate! Lui non ti
vedeva "piccola anatra che vola"
ma un grande cigno rosa e quelle
acque presidiava come alcova.
Quante sguazzate! Fradici e, poi,
asciugati si ricominciava. Adesso
il mio cuore è una palude le acque
sono dolci ma intorpidite, manca
la tua presenza ad ossigenarle.
Il germano è sempre là, lo sa che
non sei partita, aspetta di sentire
quel volo nel ripasso dell'amore.
Oliviero Widmer Valbonesi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Widmer Valbonesi

    Perchè morire?

    Non sperare di trovare amore
    in un sorriso senza splendore.
    Un saluto formale è l'illusione
    di un comune sentire già svanito.
    A nulla serve lasciarsi morire
    per chi non ti sa più amare.
    A nulla serve cercare di capire
    chi ti toglie te stesso e la tua vita
    A nulla serve cercare di amare
    chi riesce a farti morire l'anima.
    Oliviero Widmer Valbonesi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Widmer Valbonesi

      Le nostre età

      Quando sei giovane e nulla può fermarti
      Il mondo non ha più alcuna dimensione.
      Hai voglia di viaggiarlo in tutte le sue parti
      Hai voglia di girare in cerca d'emozione
      trovare sempre cose nuove da scoprire
      E luoghi e donne per poterti divertire.

      Se sei innamorato il mondo si riduce a poco
      E tutto ti ritrovi nel profondo del tuo cuore
      Se hai voglia di volare puoi spiccare il volo
      Se invece sei deluso, e sei rimasto solo
      Apri, sbatti pure le ali, non succede niente
      Tutto si ferma e si blocca nella mente.

      Quando diventi grande ti prende la malinconia!
      Hai voglia di tornare a casa per la nostalgia
      cerchi coi ricordi un tempo che hai lasciato
      non lo trovi più anche lì il mondo è cambiato
      incontri la ragazza che ti fece sentire uomo
      vorresti accarezzarla, poi chiederle perdono.

      Lo sai che da bambini si gioca a fare i vecchi
      E che da vecchi si torna ad essere bambini
      A noi piace sempre quel che non abbiamo
      Non sappiamo mai essere quello che siamo.
      Se sei maturo tutti i luoghi li senti più vicini
      Perché la vita non è la stanza degli specchi.
      Oliviero Widmer Valbonesi
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di