Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Nino Testa

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: toti

Innu a lu suli

Prima c'assumi tu dietru li munti,
lu celu 'ntornu 'ntornu s'arrussica,
lu munnu 'nteru dormi e comu spunti
travagghia sulu l'api e la furmica;
e quannu s' arrusigghia puru a genti,
si autu 'trà u celu già splindenti.

Li raggi tò su funti di caluri,
di luci, vita e unica ricchizza,
li frurtti di la terra tu maturi
e porti all' omu gioia ed alligrizza;
ma quannu di nigghiuri si ammantatu
lu munnu pari afflittu e scunsulatu!

Chi suli beddu! Re di l 'universu,
tu ci cumanni tutti li stagiuni,
lu munnu senza tia è munnu persu,
è comu 'n' omu 'nchiusu 'ntra prigiuni!
E si pi casu un jornu t' astutassi
lu munnu 'ntra li tenibri turnass!
Composta venerdì 30 luglio 1976
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: toti

    Pueta si nasci

    Passiavu sulu, sulu
    cu i pensieri accavallati,
    e t' incontru supra a un mulu
    Vanni Meli, lu gran vati.

    Unni va pi sti viola?
    ci dumannu curiusu,
    "Vegnu cà pi fari scola
    a un pueta prisintusu.

    "Si pueta può chiamarsi
    cu fa rima e tempu persu
    senza scantu di curarsi
    nè di metru, nè di versu"

    Mi rispunni 'ncipuddatu!
    "C'è un ruspigghiu 'nto Parnasu
    pi stu criticu 'npruntatu,
    saputellu e senza nasu!"

    Chistu, pò, nun fussi nenti
    si un avissi li pritisi
    di vantarisi ca genti
    comu u vati du paisi.

    Scrivu versi originali
    va dicennu a' paisani,
    cu virnaculu lucali,
    tantu beddi, tantu sani!

    Ti lu giuru, ieu li viru,
    sti pueti 'mpruvvisati
    comu un grossu peri piru
    ca ti fà ficu aruttati.

    E concluru lu me diri
    "Ca pueta si ci nasci
    anchi u versu di vagiri,
    è un puema di li fasci.
    Composta venerdì 15 aprile 1966
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: toti

      E passa lu tempu

      Lu tempu passa e jeu diventu vecchiu
      la menti nun m' arreggi e mi scuraggiu!
      E quannu mi taliu "ntra lu specchiu
      notu li signi di lu sò passaggiu!
      Rari capiddi, quasi tutti bianchi,
      li rughi, picca denti e l" occhi stanchi!

      Lu tempu curri lestu e nun sarresta;
      e dunni passa viri la sò tacca.
      nun guarda jornu, lavuranti o festa,
      tuttu trasforma ed ogni cosa "ntacca!
      E quannu si avanzatu già" nta l "anni
      si chinu di dulura e di malanni!

      Comu lu ciumi scurri versu u mari,
      e si trascina appressu li rifiuti,
      lu tempu sgridda e nun si può firmari,
      si resta a taliari tristi e muti!
      Contru li liggi di matri natura
      la scenza umana nun poli nudda cura!

      Du' voti m" ha partutu a tuppiari
      d' arreri lu purtuni di San Petru!
      E m' ha sintutu diri: chi vò fari?
      Ancora nun è l' ura, torna 'ndietru,
      quannu arriva l' ura da chiamata
      nun c'è bisognu di la tuppiata!
      Composta mercoledì 14 maggio 1980
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: toti

        Lu sieru "miraculusu"

        Nun c'è 'chiù munnu, un c'è d'unni arrivari!
        Dicìa l' autra sira la 'gno Furtuna,
        si scinni 'ntra l' abissi di lu mari,
        s' acchiana nentimenu supra a luna!
        E c' è cu ti sturia pi scupriri
        lu sieru pi putiri 'mpicciuttiri!

        Ora ca sugnu già tutta arrappata
        nuddu mi 'ninga 'chiù nè mi talia,
        aspettu sta scuperta suspirata
        pi quantu l' alma e u corpu s' arricria!
        E si passati aiu cinquant' anni
        a fari 'chiù pazzì di diciott' anni!

        Chisti su' sonni fantasiusi e beddi!
        Ci dici di rimannu la 'za Mica,
        magari si ci stiranu la peddi,
        'dda cosa cirtamenti un m' avvirdica!
        E' comu arruviddrarsi u ciriveddu
        pi fari arruspigghiari un certu aceddu!

        Cefalù, 23 Febbraio 1969

        NinoTesta
        Composta domenica 23 febbraio 1969
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: toti

          Li antichità

          Quann' eru nicu nicu,
          me nannu mi dicia:
          "lu cultu di l'anticu
          è comu" nà mania "

          E" cosa tantu bedda,
          aviri gran rispettu
          pi quarchi quartaredda,
          pi un vasu, un parapettu;

          Tutti li cosi vecchi
          sunnu di gran valuri,
          pagghiara, catapecchi,
          gradigghi e fugnaturi.

          A Cifalù, gran faru
          di arti e di cultura,
          difatti scummigghiaru
          la vecchia fugnatura!

          Stranieri e villeggianti
          ti vennu ad ammirari
          tutti li galligiganti
          ca vannu drittu a mari.

          Pi dari ad ammirari
          qualch' altra antichità
          putemu far scavari
          pi tutta la città!
          Composta lunedì 27 marzo 1972
          Vota la poesia: Commenta