Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nicola Sichi

C'è ancora il tuo sorriso nei miei sogni

C'era una volta...
Potrei iniziare così!
Ma in realtà c'è ancora
e non so dirti perché,
quel sentimento che
nascondo ogni giorno,
ma ogni giorno dura solo un istante.
Tu serenamente sorridi
ed è bello saperlo.
Sicuramente non noti che
in me c'è la paura
di restarti vicino,
solo in un sogno però,
piacevole e insieme Caino.
Composta martedì 3 settembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nicola Sichi

    Sopravvivere

    Mi brucia lo stomaco.
    Il tempo, con fatica,
    si scrolla un giorno qualsiasi di dosso.
    L'aria è ferma
    e la terra resta umida anche al sole.
    Tu dove sei?
    Oltre che nei pensieri miei,
    ora e ieri,
    da troppe lune oramai.
    Qui si sopravvive.
    Preferirei vivere...
    Ho paura di non farcela.
    Mi brucia lo stomaco.
    Il tempo non si scosterà mai,
    dal giorno che vorrei stare con te.
    Composta mercoledì 26 dicembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nicola Sichi

      Elisa, ci si ...

      Se avessi una matita per disegnare il tuo sorriso, non parlerei più alla luna chiedendogli di indicarmi la via che porta a casa tua, ma scivolerei tra le righe di un foglio ancora bianco e percorrerei quella strada con la curiosità di cancellare il tempo che mi separa da un tuo bacio e la felicità. Afferrerei due nuvole in volo per atterrare più dolcemente all'ingresso del tuo cuore. Strizzerei l'occhio alla buona stella e ti parlerei tenendoti per mano, raccontandoti perché le mie non sono sterili illusioni di come ti vorrei, ma bensì chiari apprezzamenti per come tu realmente sei. Ho preso il temperino e preparato la matita, tu non sfilare un'altra volta il foglio di sotto il mio naso.
      Ho la voglia e la passione di dipingervi una bella storia. ho un cuore grande, hai paura di capirlo?
      Composta lunedì 17 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nicola Sichi

        Lasciami entrare

        Sto cercando di aprire una porta controvento.
        Sto spingendo con gran forza su di un pomello ghiaccio come un cuore solitario.
        Ci sto mettendo tutto me stesso e sto per cedere.
        Si è aperto uno spiraglio?
        Entra vento per un momento!
        I miei occhi non possono che versare lacrime calde e in un attimo restituire al vento la forza di non lasciarmi entrare!
        Sto per cedere... al tuo volere.
        Composta martedì 7 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta