Scritta da: Jack Newhouse

Bella, la vita

Bella la vita
Imprevisto
Tentazione
Mi manchi!
No, sono felice...

Vi vedo Giocare
Non vedo l'ora di tornare

Occhi
Pendo dai tuoi stasera
Eh si, mi piaci

Ti vorrei
Chissà se lo hai capito

Come sei bella
Ti trema, la mano
Ora che torni
Ti prendo con me

Dammi la mano
E vieni con me

Sono cambiato,
da sta sera
Da quando dopo tanto tempo
Ho incrociato di nuovo i tuoi occhi

Amici, mai!
Adesso lo sai.
Niccolò Di Paolo
Composta giovedì 26 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jack Newhouse

    Luce in te

    Dove sei
    non ti vedo
    qua è buio
    chiamami
    correrò da te

    sei come una favola
    e come ogni favola
    sei piena d'amore

    cammino da solo adesso
    sento le urla e il frastuono
    la strada è ripida
    ma scende

    sassolini nella scarpa
    lasciami sognare
    mi libererò di voi
    si, proprio tu

    il buio non mi fa paura
    luce: vieni da me

    non ti toccherò
    ma ti prego
    continua a brillare.
    Niccolò Di Paolo
    Composta domenica 22 agosto 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jack Newhouse

      Piove

      Piove...
      insolita malinconia
      lacrime che si confondono con le gocce di pioggia
      la popolazione si copre sotto le coperte
      un unico cuore solitario vaga tra le strade di città...
      si sente staccato, abbandonato, rifiutato

      triste
      torna a casa
      ma non ha trovato quello che cercava

      sconsolato, rende le lacrime al cielo
      che, evaporando, si mischieranno con la pioggia
      e bagneranno altri cuori solitari

      sono ancora tutti lì
      e in cerca di qualcosa
      vagheranno ancora nella notte...
      Niccolò Di Paolo
      Composta mercoledì 16 settembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Jack Newhouse

        18 maggio 2008

        Voglio vivere con te,
        col brivido di ogni volta che ti vedo
        guardando la nostra Firenze
        una sola panchina torna a brillare
        coperta da alberi profumati

        Chiedo troppo
        chiedo un brivido,
        chiedo la dolcezza di una crema,
        di un mare di notte
        illuminato dalla tua luce

        Per te il mio cuore è un libro
        aprilo, sfoglialo

        Cuore mio, parla per me,
        tu che batti ancora per lei
        tu che sai quanto ossigeno ti ha portato
        chiedile se sa quanto l'ha amata

        Cuore mio, dimmi
        perché solo lei.
        Lei non ti conosce
        non ha ancora capito
        che è la gabbia che ti chiude la dentro
        la vera colpevole

        tu che stai là dentro, ascoltami
        ti ho sentito molte volte
        lascia da parte le cattiverie
        di chi era invidioso del nostro amore
        vivimi
        e dalla luna ti mostrerò il nostro mondo

        E tu! bella come una bimba.
        Perdonami
        Così tornerò a giocare
        chiudendo gli occhi
        Ascolterò la tua voce
        tu che sei lì
        tu che sei vicina a me.
        Niccolò Di Paolo
        Composta domenica 18 maggio 2008
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di