Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Jack Newhouse

Bianca come l'aria

Ti scrivo una poesia
perché altro non so fare
solo così nel tempo e nello spazio
rimarrà impresso il mio calore

un bene all'infinito mando tutti i giorni,
e all'idea di non saper di te più niente
mi incupo adesso,
eppur sei così solare,

e son giorni, mesi e son anni ormai!
Vedo che stai bene, senza me, e questo l'ho capito
spero solo che un giorno possa dimostrarti,
senza rima, semplicemente, come questa poesia

quanto bene e quanto affetto
da quando ti vidi la prima volta
e allora come adesso, sai cosa faccio?
Ti imprimo qui, tra queste parole senza senso

e se un giorno torneremo amici potrò dirti:
"visto? Non ho mai smesso di pensarti!"
Composta mercoledì 22 maggio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jack Newhouse

    Luce in te

    Dove sei
    non ti vedo
    qua è buio
    chiamami
    correrò da te

    sei come una favola
    e come ogni favola
    sei piena d'amore

    cammino da solo adesso
    sento le urla e il frastuono
    la strada è ripida
    ma scende

    sassolini nella scarpa
    lasciami sognare
    mi libererò di voi
    si, proprio tu

    il buio non mi fa paura
    luce: vieni da me

    non ti toccherò
    ma ti prego
    continua a brillare.
    Composta domenica 22 agosto 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jack Newhouse
      Io e te, mano nella mano, due cuori, due anime. Voglia di sognare, perenne speranza di imparare a volare, ottuse illusioni di amicizia e d'amore, molto uguali e poco diversi. Un caso, un'uscita, fraintendimenti, intervalli, incontri... e adesso? Insieme... non l'avrei detto mai, e tu? Grazie sono felice di esserci, lieto di averti.
      Composta mercoledì 18 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Jack Newhouse

        18 maggio 2008

        Voglio vivere con te,
        col brivido di ogni volta che ti vedo
        guardando la nostra Firenze
        una sola panchina torna a brillare
        coperta da alberi profumati

        Chiedo troppo
        chiedo un brivido,
        chiedo la dolcezza di una crema,
        di un mare di notte
        illuminato dalla tua luce

        Per te il mio cuore è un libro
        aprilo, sfoglialo

        Cuore mio, parla per me,
        tu che batti ancora per lei
        tu che sai quanto ossigeno ti ha portato
        chiedile se sa quanto l'ha amata

        Cuore mio, dimmi
        perché solo lei.
        Lei non ti conosce
        non ha ancora capito
        che è la gabbia che ti chiude la dentro
        la vera colpevole

        tu che stai là dentro, ascoltami
        ti ho sentito molte volte
        lascia da parte le cattiverie
        di chi era invidioso del nostro amore
        vivimi
        e dalla luna ti mostrerò il nostro mondo

        E tu! bella come una bimba.
        Perdonami
        Così tornerò a giocare
        chiudendo gli occhi
        Ascolterò la tua voce
        tu che sei lì
        tu che sei vicina a me.
        Composta domenica 18 maggio 2008
        Vota la poesia: Commenta