Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Andrea De Candia

Il contorno

Ecco quello che resta -
te ne sei andata con il mio mondo
cometa della morte.
Resta l'amplesso
del vuoto
un anello ruotante
che ha smarrito il suo dito.

Di nuovo il buio
funebre legge
prima della creazione.
Sfrondata la frivola doratura
della notte
che si è concessa al giorno.

In eredità
calligrafia di ombre.

Paesaggi dipinti di verde
con le loro acque profetiche
affogati
nei vicoli ciechi delle tenebre.

Letto, sedia e tavolo
sgusciarono pian piano dalla stanza
seguendo i capelli dell'addio -

Tutto è migrato con te -
espropriati i miei beni -

Ora, mio adorato, mi bevi
le parole dal respiro
finché ammutolisco.
Composta mercoledì 15 luglio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia
    Lontano all'aperto adagiata
    nel sonno.
    Fuggitiva
    col grave bagaglio d'amore.

    Un ambito lieve di sogni
    come un parasole
    nella verità.

    Notte
    notte
    la veste corporea
    tende il suo vuoto
    mentre cresce lo spazio
    via dalla polvere senza canto.

    Mare
    con profetiche lingue di spuma
    rotola
    sopra il sudario
    finché il sole semina di nuovo
    il dolore dardeggiante dei secondi.
    Composta venerdì 22 maggio 2015
    Vota la poesia: Commenta