Scritta da: Andrea De Candia
Nella fuga
che grande accoglienza
lungo il cammino -

Avvolta
nel panno dei venti
i piedi nella preghiera della sabbia
che non può mai dire Amen
perché deve andare
dalla pinna all'ala
e oltre -

La farfalla malata
presto saprà di nuovo il mare -
Questa pietra
con l'impronta della mosca
si è offerta alla mia mano -

Invece della patria
stringo le metamorfosi del mondo.
Nelly Sachs
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia
    Pronti sono i paesi a sollevarsi
    dall'atlante.
    A scrollarsi il loro involucro stellare
    e annodarsi sulla schiena
    i fasci azzurri dei loro mari,
    a mettersi, berretti sul fumo dei capelli,
    le montagne dalle radici ardenti.

    Pronti a portare nel bagaglio
    l'ultimo peso di tristezza, questa crisalide
    sulle cui ali un giorno
    termineranno il viaggio.
    Nelly Sachs
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia
      Ci esercitiamo già alla morte di domani
      quando ancora appassisce in noi l'antica morte -
      Oh, angoscia insostenibile dell'uomo -

      Oh, abitudine alla morte fin nei sogni
      dove la notte si frantuma in nere schegge
      e l'ossea luna rischiara le rovine -

      Oh, angoscia insostenibile dell'uomo -

      Dove sono i dolci rabdomanti,
      angeli di quiete, che toccano per noi
      la segreta fonte che dalla stanchezza
      stilla nella morte?
      Nelly Sachs
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di