Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nello Maruca

CLIX

Sette vite ritrovo accanto a me
Spezzate, inzuppate del lor sangue
Innocente; dall'or lo cor mi langue
e la mente mai scosta nefanda trame.

Ma qui non sono a raccontar di me
Né di mia casa che sciagura estingue
Ma di due anime di bontate pingue
Ch'an vinto trame, nefandezza e fame.

Di zio Gianni dico e zia Sisina
e reco di loro a voi ambasceria:
Sono sfuggiti a disumano eccidio,

scampati, pure, a un vile incendio,
hanno perduto casa e pur cascina
compreso vacche, tori e masseria.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nello Maruca

    IV

    E ricomincia, poi, da capo, l'anno
    e il ragazzo senza ritrosia
    s'appresta a scuola come tutti fanno
    Ma lui con gioia e molta bramosia.

    Alcuni vogliosi altri con meno vanno.
    Vogliovi tutti, quest'anno, in gelosia
    e i meriti vedere a chi andranno
    e chi maggiore terrà di voi più frenesia.

    Comincia, indi, la corsa alla lettura,
    moltiplicare numeri, dividere,
    addizionare, sottrarre e far scrittura.

    Ognuno vuol mostrare sua statura
    e amore alla maestra accendere
    e dimostrare agl'altri la bravura.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nello Maruca

      III

      Un bel mattino, mamma, meglio lo veste.
      Quest'oggi compi il tuo primo passo
      Di responsabilità, mamma, t'investe
      Prendila oppure, ahimè, sarai lasso.

      Al volto di mamma alza le ciglia meste
      Come dire cos'è questo gran sasso
      e le responsabilità quasi tempeste
      e questo dir che pare fosse processo?

      Termina il primo anno con successo
      e l'ultimo giorno torna a casa presto,
      con allegrezza grida: Sono promosso

      l'abbraccia mamma con fare sommesso
      Al petto se lo stringe lesto lesto,
      lacrimano gl'occhi, il viso è rosso.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nello Maruca

        II

        Buona tiene la mamma formazione
        Cresciuta, com'è, in casa patriarcale.
        Per l'Onnipossente ha venerazione;
        d'indole docile, cuore regale.

        Pur nel rispetto di Dio ha afflizione
        e, certo non più presente la gioviale
        Costumanza seppur nell'orazione
        Trova sollievo di linfa vitale.

        Cresce il bimbo sano e robustello
        e tra privazioni e qualche stento
        Sopporta la famigliola il suo fardello,

        Indi, il ragazzin ch'è florido e bello
        Raggiunge il suo primo bell'evento.
        E varca di Scuola soglia e cancello.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Nello Maruca

          La porcata

          Pria che ancor tre volte cantasse il gallo,
          senza d'aver motivo una sorella
          del consanguineo faceva uno zimbello
          mentre la truce elevava a stella.
          Motivo?: Egli tessere non conosce tela
          quella, di contro, tessere sa la trama.
          Indi, altra rotta ha fatto di sua vela
          donando alla magalda indegna fama.
          Il germano sciogliere tien difficil nodo
          perciò domanda aita ai tanti cari;
          Ognuno gli risponde: non è modo;
          ma tutti più di tanto son più che avari.
          Vota la poesia: Commenta