Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Nello Maruca

Pupillo

Quinto di margherita fiore odoroso
ritto cresciuto, bello e rigoglioso,
fosti e tuttora sei grande gioiello
ultima pietra di sì gran castello.

Buono fosti sempre, rispettoso e quieto,
alma sensibile, docile e mansueto
d'arbusto sano, prosperoso e scuro
da piccoletto già fosti maturo.

Or che cresciuto sei null'hai mutato;
dolce, sensibile e buono sei restato;
solo un momento di tristezza in core
scalfir voluto avrebbe il tuo spessore.

Di quercia gran querciuolo ben nutrito
della vita all'intemperie hai resistito
e con la perspicacia che t'è nota
t'aggrappasti alla mamma assai devota.

Di me ti ricordasti, e ti son grato
d'avermi posto pure all'altro lato,
lesto come a padre si conviene
ricorsi, tosto, all'opra pel tuo bene.

Restar devi la quercia che sei nato
mai giunco esser devi, in null'annata,
né vento mai ti scuotono, pioggia o gelo,
davanti agli occhi mai aver più velo.

Quest'è l'augurio che ti manda mamma,
mentr'io lo dico a mò di telegramma:
Resta leone di ruggito feroce
non fare che ti mettano alla croce.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nello Maruca

    Falerna mia

    Sorridono sui monti gli alti faggi,
    cantano in mare l'onde schiumeggianti,
    il sol li sassolini fa splendenti,
    rosso sul mar tramonto di suoi raggi.

    Al core distensione loco dona,
    dolce, lieve torpor la mente avvolge
    ch'anima e core entrambi coinvolge
    e tiepido calor le membra sprona.

    Posto a ridosso de li verdi monti
    ch'ossigeno gli dan e mane e sera,
    olézzo di fior d'inverno a primavera,
    l'addorme mormorio di pure fonti.

    Una sol piaga, ahimè, è di tormento:
    l'assenza di suoi nati miglior figli
    che son per esso qual candidi gigli;
    perciò si spira a poco, lento lento.

    Spira pensando li lontani gigli,
    spira, ma il cor trabocca di speranza
    veder un dì veliero in lontananza
    tra l'onde del Tirreno carco dei figli.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Nello Maruca

      Amore di donna

      Della sua infedeltà, donna, sapesti
      e muta il patimento in cuor tenesti
      e proseguisti a seminare amore
      e a lungo celasti il tuo amore.

      Dell’altrui duolo pur ti caricasti,
      mai affaticata o stanca ti mostrasti
      e grande donna sempre fosti in tutto
      e nel lavor trovasti tuo costrutto..

      Se stato anco solo quest’atto fosse
      e nessun altro mai fatto n’avessi
      sol per l’amore tuo che mai si cesse
      e per bontate ch’altri ebbero eccessi

      meriteresti posto in una icona
      a simboleggiar madre e moglie buona
      ed affermare che non è circostanza
      mostrare che l’amore sia abbastanza.

      Enumerar tue qualità non posso
      che assai  furo, che parrebbero eccesso;
      una sol cosa, voglio, però, dire:
      da chi fu mai capito il tuo patire?
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Nello Maruca

        Il casanova

        Conosco, un dongiovanni
        che a soli dodici anni
        già comincia l'azione
        della dolce seduzione.

        Ora va guardando a manca
        per cercare qualche gamba,
        poi lo guardo mena a dritta
        a cercare una coscritta.

        Giovincella oppure vecchia
        purché resti nella cerchia
        differenza non è alcuna
        che, comunque, tocca la luna.

        Se è guercia o zoppicante
        ne fa uso solamente
        per tre giorni: Poi più niente.
        Appagato ha già la mente.

        Se conquista la biondina
        la ricerca ogni mattina
        e a sera la consola
        nel non farla restar sola.

        Se per caso, poi, è bruna
        ne fa uso fino all'una
        e la lascia solamente
        a motivo della gente.

        Sia ch'è bionda, alta e snella
        sia ch'è bruna, grassa e bella,
        sia ch'è storpia, bassa e racchia
        sia rugosa, storta e vecchia,

        sia ch'esperta all'esercizio
        o che ancor non tenga vizio,
        purché abbia l'orifizio
        solo uno è il giudizio:

        Ella è donna: Tanto basta,
        perché nulla cosa guasta.
        Mi si chiede qual è il nome
        di cotanto bestione;

        Ma per mia delicatezza
        dir non posso la sua razza,
        però indico la via
        sol per mera cortesia.

        Via Rosario par che sia;
        par dimori in quella via.
        Vota la poesia: Commenta