Poesie di Nazim Hikmet

Poeta, drammaturgo e scrittore, nato mercoledì 20 novembre 1901 a Salonicco (Grecia), morto lunedì 3 giugno 1963 a Mosca (Federazione Russa)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Silvana Stremiz

Il vento cala e se ne va

Il vento cala e se ne va
lo stesso vento non agita
due volte lo stesso ramo
di ciliegio
gli uccelli cantano nell'albero
ali che voglion volare
la porta è chiusa
bisogna forzarla
bisogna vederti, amor mio,
sia bella come te, la vita
sia amica e amata come te

so che ancora non è finito
il banchetto della miseria ma
finirà...
Nazim Hikmet
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Le sedie dormono in piedi

    Le sedie dormono in piedi
    anche il tavolo
    il tappeto sdraiato sul dorso
    ha chiuso gli arabeschi
    lo specchio dorme
    gli occhi delle finestre sono chiusi
    il balcone dorme
    con le gambe penzolanti nel vuoto
    i camini sul tetto dirimpetto dormono
    sui marciapiedi dormono le acacie
    la nuvola dorme
    stringendosi al petto una stella
    in casa fuori di casa dorme la luce

    ma tu ti sei svegliata
    mia rosa
    le sedie si sono svegliate
    si precipitano da un angolo all'altro anche il tavolo
    il tappeto si è messo a sedere
    gli arabeschi hanno aperto i petali
    lo specchio si è risvegliato come un lago all'aurora
    le finestre hanno spalancato
    immensi occhi azzurri
    il balcone si è risvegliato
    ha tirato su dal vuoto le gambe
    i camini dirimpetto si son messi a fumare
    le acacie han cominciato a chiacchierare
    sui marciapiedi
    la nuvola si è svegliata
    ha lanciato la sua stella nella nostra stanza
    in casa fuori di casa la luce si è risvegliata
    si è versata sui tuoi capelli
    è colata tra le tue palme
    ha cinto la tua vita nuda i tuoi piedi bianchi.
    Nazim Hikmet
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Il raggio è riempito di miele

      Il raggio è riempito di miele
      i tuoi occhi son pieni di sole.
      I tuoi occhi, mia rosa, saranno cenere
      domani, e il miele continuerà
      a riempire altri raggi.

      Non mi fermo a rimpiangere i giorni passati
      - salvo una certa notte d'estate –
      e anche l'ultima luce dei miei occhi azzurri
      ti annuncerà lieti giorni futuri.

      Un giorno, madre natura dirà: "Mia creatura
      hai già riso, hai già pianto abbastanza".
      E di nuovo, immensa
      sconfinata, ricomincerà
      la vita, senza occhi, senza parola, senza
      pensiero...
      Nazim Hikmet
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di