Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Bepi Zuccollo
Pubblicata prima del 01/06/2004

Sera de lujo

Vestìa fin fin, co l’abito de seda
riva la sera in orto e drio la casa,
riva la sera strapegando el velo
e, pena che se veda,
la fa segno col deo che tuti tasa.
Po’ la se fa pì vanti,
la se impoltrona in cielo
e lì la descartossa i so diamanti.

Sentà soto na piopa
mi scolto el russignolo
che piove zò i so canti,
che sèmena coriandoli tel brolo.
E nàvega el me cor col vento in popa
te on mare de rimpianti.

Ma par chi xè ch’el canta el russignolo?
Dito ch’el cantarìa
se ‘l ghesse le marogne che go mi?
Dito ch’el cantarìa se ‘l fusse solo?
La so metà cantar no la sa mìa,
ma la sa dir: Cì cì,
son chì, con ti.

Nantra tirà e la vita xè finìa.
Col deo bagnà de sguassa
me strudo i oci.
Vecio che son, cossa volìo che fassa?
Dopo vèr visto tanti scaraboci,
passo el tempo… a lassar ch’el tempo passa.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Bepi Zuccollo
    Pubblicata prima del 01/06/2004

    Tota pulchra

    Allor che il giorno muore,
    nel lindo casolare,
    la Madre del Signore
    ha smesso di filare.

    E, posta giù la rocca,
    parla col divin Figlio
    che lieto si balocca
    con petali di giglio.

    “Or dimmi, figlio mio,
    Gesù, che tutto sai,
    tra l’opere di Dio
    quale più bella è mai?

    La rosa del giardino,
    la perla in fondo al mare?
    O gli occhi d’ un bambino
    o un cuore che sa amare?

    O forse qualche stella
    che Dio si tien  lassù?…*
    “L’opra di Dio più bella,
    o Mamma mia, sei Tu”.
    Vota la poesia: Commenta